HomeDispositivi e Periferiche di ReteDifferenza tra LAN e WLAN - Quale scegliere?

Differenza tra LAN e WLAN – Quale scegliere?

Il collegamento a Internet è oggi una parte importante della nostra giornata con qualsiasi dispositivo e per qualsiasi utilizzo.

Che tu lo faccia con un computer, uno smartwatch o uno smartphone, avere accesso a una rete WAN come il web è utile tanto per lavoro quanto per svago. Ma non è tutto.

Uguale importanza hanno anche le reti locali come la rete LAN e la rete WLAN. Grazie a un router, puoi infatti collegare dispositivi fra loro e scambiare dati che poi, in presenza di un modem, potrai indirizzare su Internet.

Sebbene siano simili e abbiano lo stesso scopo, LAN e WLAN non sono la stessa cosa. Quale scegliere allora?

Nella guida che stai per leggere, ti mostrerò la differenza tra LAN e WLAN e quali sono i rispettivi pregi e difetti. In questo modo, potrai scegliere quale delle due impiegare nella tua rete casalinga o aziendale.

Sei pronto? Iniziamo subito! 😉

Differenza tra LAN e WLAN - Quale scegliere?

Differenza tra WAN, LAN e WLAN

Per capire quali sono le differenze fra una LAN e una WLAN, dobbiamo fare un momentaneo passo indietro. Con questo paragrafo introduttivo, infatti, vedremo meglio il significato dei tre acronimi e alcune differenze generali.

Così facendo, sarà più semplice orientarsi fra le caratteristiche, i vantaggi e gli svantaggi di una rete LAN e di una rete WLAN.

In tutte e tre i casi del titolo, ci si riferisce a delle reti, dei network di computer. Questi ultimi possono essere più o meno grandi o più o meno interconnessi, in modo da permettere lo scambio di dati o comunque regolarlo.

WAN è un acronimo che sta per Wide Area Network, letteralmente una rete geografica, e rappresenta un tipo di rete molto estesa. Per esempio, Internet è una WAN.

Al contrario, l’acronimo LAN sta per Local Area Network, o rete locale. Già dalla definizione puoi comprendere come la sua estensione sia inferiore alla WAN.

Infine, WLAN significa Wireless Local Area Network, e identifica una rete locale senza fili. Se questa espressione ti ricorda qualcosa, è perché collegarsi al WiFi vuol dire – appunto – collegarsi a una rete WLAN. 😉

Come accennavo nell’introduzione, nella guida non ti parlerò tanto della WAN quanto della differenza tra LAN e WLAN. E dopo questo breve paragrafo di chiarimento, possiamo andare al cuore della questione!

Rete LAN: come funziona?

Di solito, trovi una rete LAN in un ambiente spazialmente delimitato, come per esempio un appartamento, un ufficio o un’azienda.

In questa tipologia di network, i vari dispositivi sono collegati tramite cavo Ethernet e la connessione stessa viene gestita tramite router e switch.

Nello specifico, il router funge da instradatore del traffico mentre lo switch serve per un’ulteriore gestione del trasferimento dei dati in entrata e in uscita.

Il router ha però un’importanza particolare in una LAN. Con una serie di operazioni e, quindi, di prestazioni che dipendono da CPU, RAM e ROM, permette di:

  • gestire i pacchetti di dati fra i diversi dispositivi, per esempio un computer e un NAS;
  • recuperare le informazioni fra reti diverse;
  • collegare la LAN ad altre LAN – mediante una struttura a cascata – o a un modem per il collegamento a Internet.

Pro e contro della rete LAN

Come hai potuto vedere, la caratteristica principale di una rete LAN è l’interconnessione tramite cavi Ethernet. Questo aspetto rappresenta il suo più grande vantaggio e, allo stesso tempo, il suo più grande svantaggio.

Da una parte, infatti, avrai la possibilità di trasferire dati in modo veloce e senza rischi di disconnessione o per la sicurezza della rete.

La maggior parte dei router oggi disponibili sul mercato consumer supporta velocità Gigabit Ethernet, mentre alcuni arrivano anche a 2.5G. 🙂

Ugualmente, la “chiusura” della rete LAN alle interferenze esterne la protegge anche da attacchi di hacker e altre vulnerabilità di sicurezza.

Dall’altra parte, invece, per creare una LAN dovrai per forza effettuare il cablaggio necessario. Si tratta di quella procedura che permette di portare i cavi Ethernet ovunque ci sia bisogno di collegare un dispositivo alla rete.

Beninteso, se colleghi il tuo computer da gaming al router con un cavo Ethernet per giocare senza latenza non avrai a che fare con tutto ciò. 😉

Se invece vuoi strutturare una rete più organica e avere la possibilità di collegare più dispositivi al router e/o allo switch, allora dovrai:

Rete WLAN: come funziona?

Puoi considerare una rete WLAN come un tipo particolare di LAN. Come dice il nome stesso, infatti, si tratta di una rete locale in cui i dispositivi non si collegano mediante un cavo Ethernet ma via radio.

Se quindi l’obiettivo di una WLAN è lo stesso di una LAN, cambiano le modalità con cui avviene la trasmissione dei dati.

Quando colleghi il tuo smartphone al WiFi per accedere a Internet, in realtà ti stai connettendo alla rete WLAN generata da un router wireless.

La comunicazione avviene quindi grazie a un dispositivo di rete capace di gestire il traffico in entrata e in uscita, e senza alcun bisogno di cavi. 😉

In ordine di complessità, puoi quindi avere:

  • router o modem router, con la differenza che il secondo integra anche un modem;
  • access point, che si collega al primo via cavo Ethernet per portare il WiFi dove non era presente;
  • ripetitore WiFi, che duplica il segnale del router principale.

A tale proposito, ti consiglio le guide su come funziona un access point e sul funzionamento di un ripetitore WiFi.

Inoltre, se hai un vecchio router che vuoi cambiare puoi dargli una nuova vita trasformandolo in un access point o in un ripetitore WiFi. 😉

Pro e contro della rete WLAN

Il primo grande vantaggio di una rete WLAN è l’estrema comodità del collegamento. Senza cavi, non sei più soggetto al cablaggio di una rete LAN e puoi muoverti liberamente pur rimanendo connesso alla rete.

Questo aspetto ha anche portato al vertiginoso aumento dei dispositivi che possono essere collegati alla WLAN. Computer, portatili e smartphone sono fra questi, certo, ma l’insieme comprende anche:

Per ottenere il massimo sarà necessario anche scegliere lo standard wireless ideale per le tue esigenze. Optare per il WiFi 4, il WiFi 5 o il WiFi 6 non è però soltanto una questione di velocità e fluidità, quanto anche di sicurezza.

Il rischio di attacchi è infatti uno degli svantaggi di una WLAN, che per questo è una rete meno sicura rispetto a una LAN.

Per fortuna, anche la protezione delle reti wireless ha fatto molti passi avanti. Dall’iniziale WEP – o Wired Equivalent Privacy – si è passati al WPA – o WiFi Protected Access – e poi al WPA2.

Il WPA2 ha introdotto la crittografia AES e quindi reso molto più sicure le trasmissioni di una rete wireless. Con il WiFi 6, è tuttavia arrivato il nuovo standard WPA3, pensato per risolvere le poche criticità del WPA2 e offrire una maggiore protezione. 😉

Un altro svantaggio costitutivo di una WLAN risiede anche nella potenza del segnale.

Certo, il WiFi 5 e il WiFi 6 promettono velocità superiori a qualsiasi LAN. Eppure, le prestazioni possono diminuire per le interferenze di muri, porte, altri dispositivi, e così via.

Inoltre, anche il numero dei dispositivi collegati a un singolo router può portare a rallentamenti.

LAN o WLAN: quale scegliere?

Quindi, dopo aver visto la differenza tra LAN e WLAN, cosa scegliere?

La verità è che la risposta dipende soprattutto dalle tue esigenze. La necessità di un accesso fisico alla rete rende la rete LAN più sicura di qualsiasi standard WiFi a prescindere dalla protezione.

Detto questo, WPA2 e WPA3 danno comunque maggiore sicurezza alle WLAN e quindi giocano a favore della comodità di fare a meno dei cavi Ethernet.

Il mio consiglio è di prediligere una rete LAN per contesti aziendali e d’ufficio, dove è sempre bene aggiungere un livello di sicurezza in più. 😉

Puoi anche predisporre una LAN in ambienti domestici, se hai molti computer da collegare e puoi cablare l’intero appartamento. Ma in questo caso sarà più indicata una rete WLAN.

Inoltre, la WLAN va bene anche se ti serve più libertà di movimento e non puoi operare un vero e proprio cablaggio. Poi sarà una tua scelta quella di optare per un router che supporti anche uno standard di sicurezza soddisfacente. 😉

Conclusioni

Come hai visto, sebbene abbiano lo stesso obiettivo LAN e WLAN sono molto diverse fra loro. In più, rispondono a esigenze diverse sia nel campo delle reti sia in quello del collegamento a Internet.

Ciascuna delle due tipologie ha i suoi pro e contro e si adatta a contesti anche molto specifici. 🙂

Se ancora non hai deciso ma stai cercando un router adatto a qualsiasi alternativa, dai pure un’occhiata alla lista dei migliori router wireless. Ci sono tantissimi modelli a partire da quelli entry level fino ai veri e propri top di gamma.

Per qualsiasi dubbio o consiglio, invece, scrivi pure un commento qui sotto! 😉

Matteo Zigliani
Matteo Ziglianihttps://robadainformatici.it
CEO & Founder di www.robadainformatici.it, vivo l'informatica come una passione. Di giorno aiuto le persone a sfruttare la tecnologia a proprio favore, nel tempo libero condivido queste fantastiche conoscenze in questo spazio, con il resto della rete.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

CIAO IO SONO MATTEO!

Creativo, appassionato e divoratore di qualsiasi novità; così descrivo al meglio la mia persona.
Da più di 10 anni mi occupo di informatica, collaboro con persone ed aziende per trovare ogni giorno soluzioni che migliorino la convivenza tra uomo e computer. Sin da piccolo ho sempre nutrito una forte passione per questo mondo, e non vedo l'ora di raccontare tutte le mie esperienze a te! ;-)

SEGUIMI ANCHE SUI SOCIAL! =>

Unisciti a più di 5.000 iscritti!

Da anni Roba da Informatici è un portale dedicato al mondo tech e siamo orgogliosi di aver aiutato più di 10 milioni di persone con i nostri articoli, recensioni e tutorial.

Entra anche tu a farne parte!
Riceverai contenuti premium, News dal mondo tech e tanto altro ancora.



Nuovi da leggere!

Behringer U-Phoria UM2 - Recensione completa

Behringer U-Phoria UM2 – Recensione completa

0
Oggi tutte le schede madre hanno un qualche tipo di interfaccia audio. I modelli più economici supportano sistemi audio 2.1, mentre quelli più avanzati...