Home Router Come Collegare Due Router in Cascata

Come Collegare Due Router in Cascata

Quando attivi un servizio ADSL o VDSL a casa o in ufficio, potresti dover utilizzare il modem/router dell’ISP. Non sempre si tratta di un buon dispositivo, perché non garantisce né una buona velocità né un’ottima copertura Wi-Fi.

A questo punto, se vuoi migliorare la tua connessione a Internet, avrai a disposizione due alternative. Rinunciare a usare il dispositivo dell’operatore e comprarne uno migliore è talvolta una scelta vincente, perché potrai scegliere il device che soddisfa i tuoi requisiti.

Tuttavia, potrebbero esserci problemi in caso di assistenza da parte dell’operatore. A volte infatti il tecnico non interviene su apparecchi di un altro produttore.

L’alternativa è acquistare un router (non modem) e collegarlo in cascata al modem/router che ti è stato fornito dall’operatore. In questo caso dovrai soltanto configurare correttamente il collegamento in cascata.

Scorri in basso per leggere la guida!

Come Collegare Due Router in Cascata

Come collegare in cascata un router: guida generale

Così facendo, avrai il vantaggio di conservare il modem dell’operatore e non incorrere in rifiuti di intervento da parte dell’assistenza. Non solo, ma con il nuovo router avrai una connessione con maggiori prestazioni e al passo coi tempi.

Esistono due modi per collegare in cascata un router:

  • Metodo LAN–LAN: viene creata una rete che diventa l’estensione fisica di quella gestita dal primo router. Si tratta della configurazione più semplice e basilare, buona per la maggior parte delle situazioni.
  • Metodo LAN-WAN: in questo caso il vecchio router avrà soltanto un client connesso, il nuovo router. La nuova rete sarà indipendente dalla vecchia, di cui sfrutterà soltanto l’accesso a Internet. È una buona configurazione se il router dell’operatore è vecchio.

Al netto delle altre differenze, con un collegamento LAN–LAN i due router saranno sullo stesso segmento IP della rete locale. Al contrario, il collegamento LAN-WAN farà sì che i due router usino due segmenti IP diversi.

Collegamento in cascata con metodo LAN-LAN

La prima cosa da fare sul vecchio router è disconnettere tutti i dispositivi e riavviare il router. Poi, dovrai collegare al PC il nuovo router e accedere all’interfaccia web tramite il browser: puoi farlo digitando “http://” seguito dall’indirizzo numerico del router. Puoi trovarlo sulla guida all’installazione o sulla confezione.

È necessario modificare l’indirizzo IP del nuovo router cambiando il quarto byte e assegnandolo alla stessa rete del vecchio router. Per esempio, se l’IP di quest’ultimo è 192.168.1.1, il nuovo avrà 192.168.1.2 come IP. In alcuni casi il vecchio router ha 192.168.0.1: in questo caso al nuovo potrai assegnare 192.168.0.2 come nell’altro caso.

Assicurati inoltre che sia gateway e DNS del router puntino all’indirizzo IP del modem/router dell’operatore telefonico. Inoltre, dovrai disabilitare sul nuovo router NAT, Firewall e DHCP. La Subnet Mask (o maschera di sottorete) va lasciata invariata.

Ricorda: puoi effettuare queste operazioni tramite l’interfaccia di gestione del dispositivo a cui puoi accedere tramite il tuo browser.

A seconda del router che stai configurando, potresti trovare una voce che dice “solo Access Point (AP)”: se c’è, puoi abilitarla.

È finalmente il momento di collegare i due router.

Individua la porta LAN (Ethernet) sia sul nuovo che sul vecchio router. A questo punto, collega il cavo Ethernet a entrambe. Non saranno necessarie né la porta DSL del vecchio router né la porta WAN (Internet) del nuovo router.

In questo modo, adesso puoi connettere i vari dispositivi via cavo o tramite il Wi-Fi al nuovo router o al vecchio indifferentemente. Cambierà soltanto l’indirizzo IP, che sarà 192.168.1.X oppure 192.168.0.X a seconda dei casi.

Per tale ragione, i dispositivi collegati a un router o all’altro potranno comunicare fra loro, proprio perché faranno parte della stessa rete.

Collegamento in cascata con metodo LAN-WAN

Se collegare in cascata un router con il metodo LAN–LAN equivale per sommi capi a rendere il nuovo router un access point al vecchio, le cose cambiano con il metodo LAN-WAN.

I primi passi sono identici: dovrai scollegare tutti i dispositivi dal modem/router dell’operatore e riavviarlo. Poi, sarà necessario collegare il nuovo router al PC e quindi entrare nell’interfaccia web.

A questo punto, potrai cambiare l’indirizzo IP del router. A seconda dei casi, dovrai modificare il terzo byte dell’IP. Per esempio se l’indirizzo è 192.168.1.1 andrà modificato in 192.168.2.1 per poter effettuare la configurazione.

A differenza del metodo LAN–LAN, stavolta DHCP, NAT e Firewall vanno lasciati attivi per un corretto indirizzamento dei dispositivi che collegherai in seguito. Per quanto riguarda la Subnet Mask, dopo aver modificato l’IP del nuovo router puoi impostarla a 255.255.255.0.

Lascia attiva anche la funzionalità “Connessione automatica DHCP”, nel caso sia presente la connessione automatica via WAN. E anche in questo caso adesso il nuovo router è pronto per essere collegato al modem/router dell’operatore con un cavo Ethernet.

Un capo del cavo va collegato a una porta LAN (Ethernet) del vecchio router, mentre l’altro cavo andrà nella porta WAN (Internet) del nuovo router. Adesso, potrai collegargli tutti i dispositivi, che avranno indirizzo IP 192.168.2.X.

Come ti dicevo poco più su, il vecchio modem avrà un solo client connesso. Per questo motivo, i dispositivi connessi al nuovo router non potranno comunicare con il modem/router che ti è stato fornito dall’operatore.

Port Forwarding: aprire le porte sul router

Con la configurazione LAN-WAN, potrebbe presentarsi soltanto un problema riguardante l’inoltro delle porte corrette verso il PC.

Soprattutto per Torrent, eMule o per il multiplayer dei videogiochi, l’apertura delle porte andrà effettuata sia sul vecchio router sia sul nuovo. Quest’ultimo dovrà puntare correttamente verso il modem/router connesso alla rete.

Potresti bypassare questo potenziale ostacolo abilitando il passthrough IP sul vecchio router, se è previsto dall’operatore. In questo modo, esso verrà reso “trasparente” e il compito di inoltrare le porte verrà lasciato soltanto al router che hai acquistato.

Per maggiori informazioni sull’inoltro delle porte, puoi leggere la mia guida su come aprire le porte del router, che ho pubblicato poco tempo fa!

Conclusioni

In questo post, ho cercato di mostrarti quali sono i passi principali per poter collegare in cascata due router e così migliorare le prestazioni della tua connessione a Internet.

Si tratta di una serie di step che vanno bene per qualsiasi router perché utilizzano l’interfaccia di gestione per impostare i corretti parametri. Considera che potrebbero esistere differenze fra un router e l’altro. Si tratta tuttavia di dettagli.

Se qualcosa dovesse esserti sfuggito, non esitare a contattarmi tramite i commenti a questo post: cercherò di essere d’aiuto.

Se vuoi una mano per la scelta di un buon router da acquistare, puoi consultare la mia guida sui migliori router!

Matteo Ziglianihttps://robadainformatici.it
CEO & Founder di www.robadainformatici.it, vivo l'informatica come una passione. Di giorno aiuto le persone a sfruttare la tecnologia a proprio favore, nel tempo libero condivido queste fantastiche conoscenze in questo spazio, con il resto della rete.

14 Commenti

  1. Ciao, ho un router TP-link Archer MR200 che ha due bande di frequenza. La prima 2,4G e l’altra 5G a cui posso collegare fino a 32 dispositivi ciascuno. Questo router ha uno slot per inserire una Sim con cui avere l’accesso ad internet. Il mio problema è che dovrei collegare circa 40 dispositivi e purtroppo lavorano tutti con la banda 2,4G. Ho un vecchio router TP-Link MR3420 che lavora con solo la banda 2,4G che anche a questo potrei collegare 32 dispositivi. La mia domanda è: sarebbe possibile collegare i due router insieme utilizzando solo il primo con l’accesso ad internet per poter usufruire di 64 accessi?

    • Buongiorno Paolo,

      Puoi collegare i due router in cascata, sappi ovviamente che i dispositivi collegati al primo o al secondo router non saranno visibili tra di loro, poiché sono connessi a due reti diverse.
      Con tutti i dispositivi che possiedi, ti consiglio di utilizzare un router più performante in grado di gestire più dispositivi.

      Buona serata,
      Matteo Zigliani

      • Ti ringrazio per il tuo aiuto, nel frattempo che scelgo un router più performante, i due router che mi hai detto di poter collegare insieme, devono avere due reti differenti? Cioè, il nome della rete Wifi del router principale (quello con l’accesso in internet) deve essere diverso dal nome della rete creata del secondo router, oppure posso utilizzare lo stesso nome?

  2. Ciao
    Io ho un modem Vodafone, ora vorrei acquistare il Netgear Router WiFi Nighthawk X4S R7800, mi servirebbe per ampliare il segnale internet nel resto di casa dove non arriva e utilizzarlo maggiormente per lo streaming. Che collegamento dovrei usare in modo da lasciare attivi entrambi i Wi-Fi senza avere problemi di connessione per tutta la casa?inoltre me lo consigli come router? Grazie mille

    • Buongiorno Alessio,

      per tenere tutti e due i router attivi dovresti prendere un cavo che parte dal router Vodafone e collegarlo alla porta “internet o WAN” dell’R7800. Questa configurazione te la sconsiglio perché andresti a creare due reti nella tua casa, almeno ché non metti il router di Netgear in modalità Access Point ma a quel punto di conviene acquistare un access point che costa molto meno.
      Se devi solo portare la Wi-Fi più lontano ti consiglio di utilizzare un ripetitore Wi-Fi oppure un access point.

      Buona giornata,
      Matteo Zigliani

  3. ho un problema che non riesco a risolvere, ho un modem/router fritzbox del mio provider (eolo) a cui ho collegato un router più performante (dlink ac5300)… sono in cascata e tutti i dispositivi della rete sono collegati via ethernet o wifi al router dlink…. Il mio problema è che non riesco ad entrare nelle impostazioni del router dlink perchè ha indirizzo ip completamente diverso da tutti gli altri della rete, mi spiego meglio, entrando nelle impostazioni del fritzbox vedo tutti i dispositivi della rete (compreso il secondo router) solo che tutti hanno ip consecutivo al fritzbox (192.168.178.xxx) mentre il roter dlink ha un ip diverso (169.254.125.47) digitando questo ultimo nel broswer non riesco ad accedere alle sue impostazioni….
    Cosa devo fare??? grazie mille in anticipo

    • Buonasera Ronnie,

      a mio avviso hai un collegamento errato ed anche la configurazione. Per prima cosa (come ho fatto io con Eolo) toglierei il Fritz!Box e lascerei collegato solo il tuo D-link che è un super router, in modo da sfruttarlo al 100%. Ovviamente il router poi va configurato con le credenziali per effettuare la connessione alla rete di Eolo.
      In ogni caso se vuoi tenere tutti e due, devi prendere un cavo in uscita dall’AVM Fritz!Box e collegarlo alla porta “Internet” del D-Link, tutti i dispositivi li dovrai poi collegare al D-Link perché a questo punto creerai una nuova rete e ti sarà impossibile accedere all’interfaccia di management del D-Link stando su quella del Fritz!Box.

      Spero di esserti stato d’aiuto 😉 Io opterei per la prima soluzione che è più pulita e togli anche un dispositivo in più.

      Buona giornata,
      Matteo Zigliani

  4. Ciao Matteo,
    alla mia antica Vodafone Station 2 ADSL che viaggia mediamente a 7 mb, a cui è, e deve rimanere, collegato un pc desktop via cavo ethernet, vorrei collegare in cascata un router a cui vorrei collegare via cavo smart tv, Sky e Xbox one, e che faccia da AP x estendere segnale WIfi per i cellulari e altro smart tv in cucina…. domande:
    1- faccio collegamento LAN_LAN, vero ?
    2- posso tenere i wifi attivo sia sul router in cascata che anche sulla VS2, o x conflitti devo disattivarne uno (la VS2)
    3- la configurazione che hai descritto va bene anche per la VS2 ?
    4- vedi altro complicazioni di cui devo tenere conto ?
    5- mi consigli qualche router con buon rapporto qualità prezzo (20/30, max 50 euro se ne vale la pena..) ?
    fammi sapere
    grazie se potrai aiutarmi
    Enzo

    • Ciao Enzo,

      cerco di risponderti a punti. 😉

      1 – Devi collegare un cavo che parte da una porta LAN della vodafone station, e va a finire nella porta WAN del tuo nuovo router.
      2 – Puoi tenere le due Wi-Fi Attive.
      3 – La configurazione è ripetibile su qualsiasi router.
      4 – Non dovrebbero esserci complicazioni, è tutto molto semplice.
      5 – Con 50 euro di spesa, ti conviene utilizzare il Wi-Fi della Vodafone Station. Ti consiglio comunque questo router che dovrebbe aiutarti meglio e non costa tanto di più: TP-Link Archer C7 AC1750.

      Spero sia tutto! 😉

      Buona serata,
      Matteo Zigliani

  5. Ciao, non riesco a mettere in cascata il mio modem-router ASUS DSL-AC56U con il modem di FastGate di Fastweb. Tu puoi aiutarmi?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

CIAO IO SONO MATTEO!

Creativo, appassionato e divoratore di qualsiasi novità; così descrivo al meglio la mia persona.
Dalla mia passione per i computer e l’informatica è nato il mio lavoro quotidiano, dal mio lavoro è nato questo fantastico spazio, dove scrivo delle mie esperienze e do consigli gratuiti a tutti gli utenti, che necessitano di un aiuto per risolvere i loro problemi tecnologici quotidiani.
Tutti i giorni collaboro con persone ed aziende, al fine di trovare possibili soluzioni, che migliorino l’impatto delle persone con la nuova tecnologia.
Ogni uomo ha una storia ed ogni storia merita sempre di essere raccontata.
Seguimi e ne scoprirai delle belle 😉

SEGUIMI ANCHE SUI SOCIAL! =>

Nuovi da leggere!

Come collegare le casse al PC

Come collegare le casse al PC

Se sei stanco di usare gli speaker integrati nel tuo monitor, una soluzione è quella di dotarti di casse esterne o veri e propri...
Come collegare le casse Bluetooth al PC

Come collegare le casse Bluetooth al PC

come posizionare casse pc

Come posizionare le casse del PC