Cosa significa Ethernet?

Il nome Ethernet indica le tecnologie specifiche con cui si realizzano le reti LAN, o Local Area Network.

Piuttosto che indicare una singola tecnologia, quindi, designa dei modi di trasmissione dei dati che identificano una rete locale, fisica o strutturale.

Per esempio, il collegamento dei dispositivi al router o dal router al modem avviene con un cavo Ethernet attraverso una porta LAN o una porta WAN.

Se vuoi saperne di più su come funziona e se è meglio Ethernet o Wi-Fi, scorri in basso per leggere l’articolo! 😉

Cosa significa Ethernet?

Ethernet: come funziona?

A partire dal suo sviluppo fra gli anni 70 e gli anni 80, lo standard Ethernet ha portato alla creazione dell’Institute of Electrical and Electronics Engineers o IEEE.

Se la sigla ti suona familiare, è perché la trovi in tutte le indicazioni di un collegamento wireless o cablato nella forma IEEE 802.11x. 😉

L’unificazione voluta dall’IEEE ha permesso a questa tecnologia di espandersi e diventare sempre più utilizzate. Ma come funziona?

Nel collegamento tramite Ethernet, non esiste un dispositivo master e uno slave come avviene nel Bluetooth. Al contrario, ogni host riceve e invia informazioni in modo paritario tramite un cavo con connettore RJ45.

Attraverso il cavo, i dati vengono trasmessi in pacchetti così composti:

  • preambolo di 7 Byte che attiva la ricezione e sincronizza i due dispositivi;
  • singolo Byte che indica la fine del preambolo;
  • indirizzo di destinazione, 6 Byte;
  • indirizzo di origine, 6 Byte;
  • standard Ethernet utilizzato e lunghezza della trasmissione;
  • invio dei dati veri e propri, con lunghezza da 46 a 1500 Byte;
  • 4 Byte conclusivi per il controllo.

Se le prime versioni della tecnologia Ethernet poteva raggiungere una velocità massima di 10 Mbps, ovvero circa 1,2 MB al secondo, oggi puoi collegarti tramite:

  • Fast Ethernet, presente in molti router economici come il Tenda AC6, con velocità teorica di 100 Mbps per porta;
  • Gigabit Ethernet, che può arrivare a 1000 Gbps e trovi in router più avanzati come il TP-Link Archer C6.

Meglio Ethernet o Wi-Fi?

Lo standard Ethernet gestisce i collegamenti cablati nelle reti locali create da un router. Come ho accennato più su nell’articolo, avrai bisogno di un cavo di rete da inserire nella rispettiva porta RJ45 dei due dispositivi.

Tuttavia, non è l’unico modo in cui puoi creare una rete locale. Negli ultimi anni si è affermata la trasmissione wireless, cioè senza fili, a discapito di quella cablata.

Quando ti connetti a Internet tramite la Wi-Fi con il computer o con il cellulare, con i dispositivi smart o con le periferiche, non utilizzi l’Ethernet.

E in effetti, ci sono alcuni svantaggi legati a questa tecnologia:

  • presenza di porte Fast Ethernet piuttosto che Gigabit Ethernet sul router, che limitano la velocità di trasferimento;
  • necessità di cablare l’appartamento o l’azienda per permettere il collegamento di tutti i device, anche nel caso di impianti di videosorveglianza con NVR;
  • poca praticità quando usi dispositivi di piccole dimensioni, come laptop e smartphone.

Spesso, però, ostacoli di questo tipo vengono spesso superati dai vantaggi dello standard Ethernet:

  • connessione più stabile e più veloce, se supportata da cavi e porte adeguati;
  • latenza inferiore;
  • stabilità maggiore dei trasferimenti rispetto alle reti wireless;
  • possibilità di alimentare piccoli dispositivi tramite il PoE.

Come accade frequentemente nel mondo della tecnologia, la soluzione migliore è quella che meglio risponde alle tue esigenze. 😉

Conclusioni

Lo standard Ethernet ha cambiato, sin dalla sua introduzione, il modo in cui scambiamo dati fra diverse tipologie di dispositivi.

Sebbene non sia più fondamentale a causa delle reti wireless, ancora oggi costituisce un metodo veloce e sicuro per la creazione di reti LAN cablate con trasferimenti di grandi quantità di dati.

Nel piccolo del mercato consumer, come hai visto l’Ethernet risulta vantaggioso in tutta una serie di contesti, ed è per questo un importante aspetto da considerare quando:

😉

Articolo precedenteCosa sono i driver delle cuffie?
Articolo successivoCos’è la fibra FTTH?
CEO & Founder di www.robadainformatici.it, vivo l'informatica come una passione. Di giorno aiuto le persone a sfruttare la tecnologia a proprio favore, nel tempo libero condivido queste fantastiche conoscenze in questo spazio, con il resto della rete.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui