Cos’è la rete WLAN?

La sigla WLAN sta per Wireless Local Area Network e identifica una categoria particolare di rete LAN. In pratica, si tratta di una rete con estensione locale che però invia e riceve dati tramite un collegamento Wi-Fi via onde radio.

Per intenderci, quando ti colleghi con il tuo smartphone al router stai entrando nella WLAN di casa tua che poi, tramite un modem, ti connette a Internet.

Vediamo quindi come funziona una WLAN, quali tipologie esistono e qual è la differenza con la LAN. 😉

Iniziamo subito!

Cos'è la rete WLAN?

Cos’è la WLAN e come funziona?

In quanto tipo specifico di una LAN, una WLAN ha di fatto gli stessi scopi. L’unica vera differenza, da un punto di vista di uso quotidiano, risiede nella totale assenza di cavi Ethernet per il collegamento dei dispositivi.

Tuttavia, andando più a fondo si scopre che cambia quasi tutto. 🙂

In primo luogo, per connettersi a una WLAN è necessario disporre di un trasmettitore e ricevitore di segnali radio wireless. Oggi tutti i modem e i router – ma anche gli access point e i ripetitori WiFi – ne sono provvisti, proprio per assicurare questa tipologia di connessione.

In secondo luogo, le WLAN odierne funzionano in modalità “infrastruttura”. Così si identificano quelle reti che utilizzano un dispositivo centrale come punto di accesso wireless, al quale si connettono tutti i dispositivi client.

Quando leggi che un router svolge funzioni da access point, ci si riferisce proprio al fatto che diventa un punto di accesso alla WLAN. 😉

In terzo luogo, collegare dei dispositivi tramite onde radio e non con un cavo Ethernet impone di pensare anche:

  • alla questione delle interferenze al segnale, soprattutto nel caso di muri o edifici;
  • alla sicurezza della rete, che necessita di standard sempre aggiornati.

I diversi standard di una rete WLAN

Il confronto fra WLAN e LAN vede quindi la praticità e la semplicità, da una parte, e la sicurezza e il maggiore controllo, dall’altra parte.

Nel tempo, tuttavia, le reti WLAN si sono evolute sia dal punto di vista della velocità di trasferimento dei dati sia da quello della sicurezza e della gestione di molteplici flussi.

A oggi, gli standard più utilizzati sono:

  • il vecchio WiFi 4, nuovo nome del protocollo IEEE 802.11n, che consente velocità fino a 450 Mbps;
  • un più recente WiFi 5, IEEE 802.11ac, che supporta nuove tecnologie e velocità massime fino a 3 Gbps;
  • l’ultimo arrivato IEEE 802.11ax, ovvero il WiFi 6, in grado di superare tranquillamente i 6 Gbps e di gestire molti dispositivi collegati alla WLAN.

Come puoi vedere, le velocità e le potenzialità dei vari standard sono andare sempre a migliorare, a causa di un’evoluzione delle reti wireless e dei dati che devono scambiare.

Per questa ragione, quando scegli un modem router, un router o un access point, spesso devi anche considerare questi valori. Non si tratta tanto di velocità di collegamento a Internet, quanto di velocità della rete privata.

La WLAN, appunto. 😉

Conclusioni

Se la rete WLAN rappresenta il futuro rispetto alla LAN, quest’ultima rimane in ogni caso l’alternativa più sicura e adatta a piccoli contesti.

Nonostante ciò, le reti wireless spesso risultano più veloci e oggi anche abbastanza sicure, grazie a router e modem router in grado di sfruttare tutto il loro potenziale. 🙂

Se stai cercando una soluzione di questo tipo, qui trovi la lista dei migliori. E per qualsiasi dubbio o qualcosa che vorresti chiarire, scrivi pure un commento qui sotto!

Articolo precedenteCos’è la rete LAN?
Articolo successivoCos’è la rete WAN?
CEO & Founder di www.robadainformatici.it, vivo l'informatica come una passione. Di giorno aiuto le persone a sfruttare la tecnologia a proprio favore, nel tempo libero condivido queste fantastiche conoscenze in questo spazio, con il resto della rete.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui