Smartwatch – come funziona?

0

Vuoi comprare uno smartwatch, o ne hai uno che usi già da un po’, ma vuoi capire meglio come funziona e cosa puoi farci? O magari anche imparare a riconoscere i fattori decisivi nella scelta di un modello piuttosto che di un altro?

In questo articolo cercherò proprio di rispondere alle tue domande. Così, scoprirai tutto sul tuo nuovo gioiellino tecnologico e imparerai a usarlo al meglio.

Non preoccuparti se le cose all’inizio ti sembreranno un poco complesse: proverò a spiegare tutto passo dopo passo. E in ogni caso questa non sarà l’unica guida sul mondo degli smartwatch che scriverò.

D’altronde, come tutte le rivoluzioni tecnologiche, vale la pena approfondire l’argomento e sviscerare tutti gli aspetti importanti! 😉

Se non sai ancora di preciso cosa è, leggi pure il breve articolo che spiega al meglio cos’è uno smartwatch che ho scritto poco tempo fa. Per farti un’idea sarà perfetto! 🙂

Se invece vuoi approfondire tutto ciò che c’è da sapere su come funziona uno smartwatch, scorri in basso per leggere l’articolo! 😉

Smartwatch - come funziona?

Come funziona uno smartwatch e perché acquistarlo

Negli ultimi anni i dispositivi come gli smartwatch, le smartband o i fitness tracker sono diventati sempre più diffusi.

In breve, si tratta di ottimi esempi della wearable technology, quel settore riguardante tecnologia indossabile utile per moltissimi usi e situazioni.

Sebbene tutti questi dispositivi permettano di fare sostanzialmente le stesse cose, è utile precisare che gli smartwatch non sono tutti uguali fra loro.

Può variare l’hardware di cui sono composti e il software che permette loro di funzionare. Possono cambiare l’insieme di esigenze per le quali sono stati progettati e anche l’integrazione e la connessione con gli smartphone.

Anche l’estetica può essere molto diversa, e in questo caso uno smartwatch può essere adatto più ad alcuni contesti rispetto ad altri.

Se ti interessano le varie differenze fra i modelli di smartwatch, allora puoi dare un’occhiata al mio articolo su come scegliere uno smartwatch da uomo. Rimarrai sicuramente stupito da quanti ne esistono! 🙂

In questa guida invece cercherò di mostrarti in generale come funziona uno smartwatch, e quali sono i motivi per acquistarlo.

Pronto? Cominciamo subito allora! 🙂

#1 Il software dello smartwatch: compatibilità e Sistema Operativo

La compatibilità con lo smartphone è uno dei fattori più importanti nell’uso di uno smartwatch. Infatti, a seconda del sistema operativo contenuto nel dispositivo, a volte potresti non essere in grado di utilizzarlo.

Da questo punto di vista, i sistemi operativi che potresti trovare su uno smartwatch sono principalmente due:

  • WatchOS di Apple

Si tratta dell’operative system sviluppato dalla Apple per i suoi Apple Watch. Tuttavia, è compatibile soltanto con gli iPhone dal 5s che abbiano iOS dalla versione 11.

Se hai un iPhone, allora acquistare un Apple Watch potrebbe essere la scelta più sensata ma, come vedrai fra poco, anche altri smartwatch sono compatibili con gli iPhone.

  • AndroidWear di Google

Come puoi già intuire dal nome, è chiaro il riferimento alla wearable technology. Questo sistema operativo promette una compatibilità massima con gli smartphone Android, a partire dalla versione 4.3.

Tuttavia, la particolarità degli smartwatch AndroidWear è che sono compatibili anche con gli iPhone con iOS 9 o successivo. Certo, magari non tutte le funzioni saranno sfruttabili, ma di sicuro si tratta di una soluzione alternativa ai ben più costosi Apple Watch.

  • Altri OS per smartwatch

Non tutti gli smartwatch si dividono fra AndroidWear e WatchOS, ma alcuni hanno anche altri sistemi operativi. In questo caso, non c’è bisogno di preoccuparti: nella stragrande maggioranza dei casi, ci sarà una buona compatibilità con tutti gli smartphone. 🙂

#2 Il cuore di uno smartwatch: l’hardware

Gli smartwatch non sono soltanto delle protesi indossabili del tuo smartphone, ma veri e propri mini-computer che ti permetteranno di svolgere tantissime funzioni e di semplificarti la vita in un sacco di occasioni. 😉

Per questa ragione, vi sono alcuni parametri a cui fare attenzione quando ne scegli uno. In molti casi, potranno segnare un confine fra un funzionamento perfetto o solo sufficiente:

  • la CPU;
  • la RAM;
  • la ROM;
  • il display.

CPU e RAM sono il cuore operativo dello smartwatch. Più sono potenti, maggiore sarà la velocità nell’uso delle tante app che puoi installare sul tuo dispositivo.

La ROM, acronimo per read only memory, è la memoria del tuo smartwatch. Se è abbastanza capiente, potrai installare tutte le app che vorrai. 🙂

Guardare l’ora? Molto di più: il display touch

Il display è uno degli elementi chiave di uno smartwatch, soprattutto per quanto riguarda la luminosità, che influisce direttamente sul consumo del tuo dispositivo.

Infatti, un buon pannello ti permetterà di utilizzare lo smartwatch in tutte le condizioni di luce, soprattutto sotto la luce del sole.

Da questo punto di vista, gli schermi possono essere di due tipi:

  • LCD: ha un’ottima luminosità anche se a discapito dell’autonomia.
  • OLED/AMOLED: ha dei neri più profondi e quindi un maggiore contrasto. Tuttavia, è in media meno luminoso di un display LCD, anche se così farà durare di più la batteria.

Inoltre, in uno smartwatch potrai decidere se tenere sempre acceso lo schermo. Si tratta di una funzionalità molto utile in alcuni casi, come durante l’attività sportiva, ma che farà schizzare al massimo i consumi.

Se puoi, preferisci l’attivazione del display con la pressione di un tasto o, ancora meglio, con la rotazione dell’avambraccio tipica degli orologi. 🙂

#3 Funzionalità e connettività degli smartwatch

Come ti dicevo più su nell’articolo, lo smartwatch era nato come protesi dello smartphone. E ancora oggi, tutti i modelli permettono di connettersi al telefono.

Tuttavia, negli ultimi tempi sono stati progettati degli smartwatch che riescono a funzionare benissimo senza collegarsi a uno smartphone. Alcuni, inoltre, ti permetteranno anche di inserire la sim e quindi di inviare messaggi ed effettuare chiamate.

Insomma, un vero e proprio computer indossabile, più semplice da usare rispetto a uno smartphone e certamente meno ingombrante. 😉

Oltre a questo, uno smartwatch ha anche alcune funzioni molto interessanti:

  • GPS, molto utile sia durante l’allenamento sia se devi usare il navigatore;
  • certificazione IP: stabilisce il grado di danni da polvere o acqua ai quali lo smartwatch può resistere. Quelli più recenti, per esempio, hanno una certificazione IP67 o IP68;
  • connessioni: non tutti gli smartwatch hanno il Wi-Fi, ma di certo tutti possono essere collegati allo smartphone tramite il Bluetooth.

Infine, gli smartwatch permettono anche di ricevere notifiche dai social network e dalle email, i messaggi o le chiamate che ti arrivano!

Conclusioni: perché comprare uno smartwatch

Come hai visto, non è difficile farsi un’idea di come funzioni uno smartwatch. 🙂

Quando lo scegli o cominci a usarlo, l’importante sarà capire a cosa può servirti e come puoi usarlo nel migliore dei modi.

Come dispositivi indossabili, gli smartwatch hanno il pregio di avere tantissime funzionalità senza particolari ingombri.

Oltre a questo, potresti considerare l’idea di acquistarne uno sia per l’attività sportiva, sia se vuoi evitare di tirar fuori lo smartphone dalla tasca o dallo zaino troppo spesso.

Anche se alcuni modelli costano decisamente tanto, negli ultimi tempi si trovano degli ottimi smartwatch che arrivano dalla Cina. Se vuoi saperne di più, puoi leggere l’articolo sui migliori smartwatch cinesi: si tratta di prodotti di ottima qualità, a prezzi contenuti! 🙂

Se hai qualche dubbio sulla guida e vorresti risolverlo, scrivimi pure nei commenti. Cercherò di aiutarti al meglio! 😉

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here