Cos’è il TDP?

Il TDP, acronimo di Thermal Design Power o Thermal Design Point, indica il calore che viene dissipato da una CPU o da qualsiasi altra componente di un PC, quando è a pieno carico.

In pratica, è un parametro che misura quanta energia – sotto forma di calore, appunto – dovrà essere smaltita dal tuo sistema di raffreddamento.

Al contrario di come si pensa spesso, quindi, il TDP non indica il consumo del tuo processore o della scheda video.

Anzi, con l’uso normale il consumo sarà spesso inferiore o, a seconda del carico, potrà anche raggiungere dei momentanei picchi.

Il TDP vuole invece darti un’idea di massima del lavoro che il tuo dissipatore dovrà svolgere per tenere basse le temperature.

Ma a cosa serve il Thermal Design Point e come può aiutarti a scegliere i componenti giusti per il tuo sistema?

Vediamolo in dettaglio! 😉

Cos'è il TDP

A cosa serve il TDP?

Vista la definizione che ho dato all’inizio dell’articolo, puoi già iniziare a comprendere qual è l’utilità di un parametro quale il TDP.

Per farti qualche esempio:

Valori del genere hanno l’obiettivo di metterti in guardia sul calore prodotto dai rispettivi chip. Di conseguenza, si rivelano di grande aiuto nella scelta dei dissipatori, ma non solo.

Pur non indicando direttamente il consumo energetico, tuttavia il TDP serve anche a darti un’idea generale dell’alimentatore idoneo alla tua configurazione.

Continuando l’esempio, se alla CPU e alla GPU elencate prima unisci gli altri componenti di un computer, già puoi comprendere come una PSU da 450 Watt non sia proprio l’ideale.

Potrai stare più tranquillo acquistandone un modello più potente ed efficiente, come un Corsair CV da 650 Watt, per esempio. 🙂

AMD vs Intel: un TDP diverso

Nonostante siano d’accordo con la definizione generale di TDP, le due principali aziende che producono microprocessori per PC non la pensano esattamente allo stesso modo.

Capire quali sono le differenze fra le due multinazionali può aiutarti a scegliere con più consapevolezza la migliore CPU per il tuo sistema. 🙂

Per Intel, il Thermal Design Point si riferisce al calore generato da un processore quando attiva la modalità TurboBoost, quindi con un carico massimo.

Contrariamente a quanto si pensa, infatti, Intel TurboBoost non è un vero e proprio overclock ma piuttosto un veloce e breve miglioramento delle frequenze.

Lo puoi notare già in modelli entry level come il Core i3-9100, che lavora a 3,6 GHz ma raggiunge i 4,2 GHz con la modalità attivata.

Ecco, per Intel il TDP indica il calore prodotto in questo preciso momento.

Al contrario, per AMD il Thermal Design Point deve riferirsi alla massima generazione di energia termica in qualsiasi circostanza.

Si tratta quindi di un valore più generale e più vicino al reale contesto di utilizzo di una CPU Ryzen, per esempio.

Una conseguenza indiretta di questo approccio è che solitamente:

  • quando lo include in confezione, il dissipatore stock di Intel non ha grandi performance di raffreddamento della CPU, soprattutto con alti carichi;
  • i dissipatori AMD, invece, sono più adatti a tutte le condizioni di lavoro del processore.

Conclusioni

Ma, in conclusione, come va scelto il TDP?

Come avrai già potuto intuire, scegliere una componente con un alto TDP non porta necessariamente a prestazioni più elevate:

  • da una parte, infatti, vorrà dire che essa funziona a frequenze maggiori;
  • dall’altra parte, invece, significa che produce più calore.

A venire in soccorso ci sono, per fortuna, la ricerca e l’evoluzione tecnologica.

Per quanto un elevato Thermal Design Point indichi davvero frequenze di funzionamento più alte, oggi la situazione sta cambiando.

I motivi sono diversi: processi produttivi inferiori, minori consumi, migliore ottimizzazione dell’hardware.

Il risultato è che, per esempio, una CPU high end come il Ryzen 7 3800XT di AMD ha un TDP di soli 105 Watt. E ti ricordo che ha 8 core fisici e 16 thread. 🙂

Il percorso futuro è ben tracciato e lo si vede dalle componenti che puoi scegliere oggi per il tuo sistema, che offrono TDP mediamente più bassi ma ottime prestazioni.

Puoi già vederlo nelle guide sui migliori processori e le migliori schede video! 😉

Articolo precedenteCos’è il chipset?
Articolo successivoCos’è Intel Hyper-Threading?
CEO & Founder di www.robadainformatici.it, vivo l'informatica come una passione. Di giorno aiuto le persone a sfruttare la tecnologia a proprio favore, nel tempo libero condivido queste fantastiche conoscenze in questo spazio, con il resto della rete.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui