Cosa sono i core della CPU?

Per core di una CPU si intende l’unità elaborativa che, in un microprocessore, si occupa di eseguire le operazioni che permettono a un computer di funzionare.

Se il processore è il cuore di ogni PC, allo stesso modo il core è il cuore di ogni processore e definisce la sua capacità di elaborazione.

Tuttavia, oggi un solo core non è sufficiente per garantire buone performance.

E infatti, alle CPU single-core si sono via sostituite unità sempre più potenti e dotate di più unità di calcolo.

In questo modo, è possibile aumentare la potenza di calcolo del processore senza influenzare:

  • il clock di base;
  • il calore prodotto;
  • l’energia da dissipare o TDP.

Ma come funzionano i core della CPU e come migliorano le prestazioni del tuo PC?

Scorri in basso per scoprirlo! 😉

Cosa sono i core della CPU?

Dal multi-CPU al multicore

Fino a qualche anno fa, sia AMD che Intel avevano sopperito all’impossibilità di aumentare la frequenza di clock della CPU con soluzioni multiprocessore.

Si trattava, in breve, di configurazioni in cui la scheda madre poteva ospitare due o più CPU sullo stesso circuito stampato.

Tuttavia, avere diversi processori portava a maggiori consumi di energia e costi più alti, sia per la produzione che per il cliente finale.

Per questa ragione, nel 2005 AMD ha introdotto il primo processore multicore, ovvero una CPU con due unità di calcolo che funzionavano in parallelo.

Due core, appunto. 🙂

Da questi primi esempi, Intel e AMD hanno via via migliorato le architetture, il processo produttivo e i chip dei loro processori.

Dagli Athlon X2 ai Phenom, dai Pentium D ai Core 2 Quad, siamo arrivati a delle CPU infinitamente più veloci. 😉

CPU multicore: come funzionano?

Come ti ho accennato all’inizio, i core di una CPU operano in parallelo.

Ciò vuol dire che uno o più programmi vengono eseguiti da un unico processore:

  • suddividendo le operazioni fra i suoi core;
  • migliorando le prestazioni di calcolo generali.

Questa soluzione tuttavia richiede che i software vengano ottimizzati per sfruttare il lavoro in parallelo delle CPU multicore.

Semplici browser, suite Office, applicazioni complesse come Photoshop e videogame Tripla A devono quindi essere sviluppati per questo.

A oggi, benché le CPU multicore siano ancora indicate più per il multitasking e meno per i videogiochi, ci sono stati tantissimi passi avanti.

Un modello come il Ryzen 5 3600, infatti:

  • ha una velocità di clock – 3,6 GHz – ideale per tutte le operazioni;
  • ha sei core e ben 12 thread;
  • consuma pochissimo e ha un TDP da 65 W.

Come puoi vedere, il lavoro di ottimizzazione sui processori per PC è diventato sempre più efficiente.

A beneficio di tutti noi. 😉

Multicore vs multithreading

Un’ulteriore innovazione tecnologica ha riguardato la suddivisione di ogni core in due thread.

Se i core sono delle unità fisiche, i thread sono unità logiche. Funzionando in parallelo, velocizzano ancora di più le operazioni di un processore.

Per esempio una CPU con il multi-threading attivo, come Intel Core i5-10600K, potrà migliorare le sue prestazioni sfruttando più processi contenuti in un singolo chip.

Come avviene per il multicore, tuttavia, è necessario che le applicazioni siano sviluppate tenendo in considerazione questa tecnologia.

Quanti core sono necessari?

Quando scegli la CPU ideale per la tua configurazione, il numero dei core (e dei thread) presenti è un parametro fondamentale.

Infatti, oltre a influenzare direttamente le prestazioni del computer, i diversi modelli sono più adatti a specifici utilizzi.

Per citarne alcuni:

  • l’uso domestico o da ufficio in cui vai su Internet, guardi un film oppure scrivi su Word richiede un processore dual-core o al massimo quad-core come Intel Core i3-9100;
  • il multitasking e il gaming Full HD richiedono una potenza di calcolo maggiore, come quella che puoi trovare nelle soluzioni AMD e Intel di fascia media;
  • per videogiocare con monitor 2K o 4K, fare streaming di contenuti e lavorare con l’ediing video avanzato ti serviranno processori più potenti.

In quest’ultimo caso, il Core i9-10900K di Intel o anche il Ryzen 7 3800XT di AMD potranno fare al caso tuo.

L’idea di base è che non esiste un processore multicore migliore di un altro. Esiste però la soluzione perfetta per le tue esigenze, che va scelta con cura e consapevolezza. 😉

Conclusioni

Negli anni, le CPU multicore si sono affermate come lo standard per i computer e i laptop, ma non solo.

Infatti, puoi trovare dei chip con più unità di calcolo:

Che il numero di core in un processore sia molto importante non dà adito a dubbi. Insieme alla frequenza di clock e al Thermal Design Power è forse il parametro più importante da considerare nella scelta.

Per questa ragione, se stai pensando di assemblare o aggiornare il tuo computer, ti rimando alla lista delle migliori CPU.

Per qualsiasi dubbio, invece, scrivimi pure nei commenti! 😉

Articolo precedenteCos’è il Bluetooth?
Articolo successivoIntel Corporation
CEO & Founder di www.robadainformatici.it, vivo l'informatica come una passione. Di giorno aiuto le persone a sfruttare la tecnologia a proprio favore, nel tempo libero condivido queste fantastiche conoscenze in questo spazio, con il resto della rete.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui