HomeGuide e TutorialUsare smartphone come telecamera IP - Guida completa

Usare smartphone come telecamera IP – Guida completa

Come spesso ho sostenuto nelle diverse guide sulle telecamere IP e nelle varie recensioni, creare un impianto di videosorveglianza oggi è molto più semplice.

Rispetto a qualche anno fa, infatti, non servono più grandi conoscenze di elettronica, dispositivi complessi da installare e un budget molto elevato.

Grazie alle reti wireless e al generale abbassamento dei prezzi, aumentare la sicurezza degli ambienti interni ed esterni è alla portata di tutti. 🙂

E se ti dicessi che è possibile anche usare lo smartphone come telecamera IP?

Certo, non parliamo di un impianto di videosorveglianza perfetto su tutti i fronti come quelli pensati allo scopo, ma il risultato potrebbe stupirti.

Sei pronto? Vediamo subito come si fa! 😉

Usare smartphone come telecamera IP - Guida completa

Perché usare il telefono come telecamera IP?

Se c’è un ambito in cui l’evoluzione degli smartphone ha fatto storia è quello delle fotocamere. Se pensi che i primi modelli consentivano foto per giunta inferiori a quelle delle fotocamere compatte, oggi è tutto diverso.

Obiettivi dalle prestazioni sempre più elevate, con foto e video che offrono:

  • maggiore nitidezza;
  • migliore resa dei colori, più vicini al vero;
  • tantissime funzionalità di post produzione delle immagini grazie all’IA;
  • memoria più capiente;
  • risoluzioni più alte;
  • funzionalità software ottimizzate.

Ciò vuol dire che, nell’uso quotidiano, potrai contare su uno smartphone in grado di scattare foto e girare video di qualità superiore. 🙂

E, in effetti, una volta che la resa è di questo tipo, che differenza c’è tra postare un video sui social e invece utilizzare quel video come un feed per il tuo impianto di videosorveglianza?

Tecnicamente, nessuna. 🙂

Nel concreto, invece, l’unica differenza riguarda le app utilizzate e la destinazione finale del tuo smartphone. Proprio per questo, ti mostrerò in che modo usare il tuo telefono come telecamera IP e quali passi effettuare.

D’altronde, si tratta di una soluzione a costo zero – soprattutto se hai un vecchio smartphone già in casa – e semplice da ottenere. 😉

Come trasformare lo smartphone in telecamera IP

A differenza di altre procedure con cui dare nuova vita a un vecchio smartphone, per trasformare il telefono in una telecamera di sorveglianza non servono grandissime conoscenze.

Allo stesso modo, non dovrai smanettare troppo con le impostazioni del dispositivo o con i parametri della connessione alla rete WLAN e a Internet. 😉

Questo ciò che ti servirà per iniziare l’operazione:

  • un vecchio smartphone che non usi più (ovviamente più è recente e migliore sarà la qualità video);
  • il tuo attuale smartphone o, eventualmente, anche uno smartphone secondario;
  • una connessione a Internet.

Per iniziare la trasformazione del telefono in telecamera IP, dovrai scaricare un’app dal Play Store di Google. Nei prossimi paragrafi ti mostrerò gli step da seguire per le tre applicazioni più interessanti. 😉

Alfred Camera

In realtà, adesso la denominazione ufficiale è IP Camera – Videosorveglianza, della Alfred Systems Inc., ma la sostanza è la stessa. 🙂

Si tratta di un’app molto semplice e intuitiva da utilizzare. Il set di impostazioni à abbastanza nutrito, e c’è la possibilità di controllare da remoto il feed del telefono.

Ecco quali step seguire per utilizzare Alfred Camera e trasformare lo smartphone in telecamera IP:

  • collega a Internet il vecchio smartphone e recati sul Play Store di Google;
  • scarica l’app Alfred Camera;
  • avvia l’applicazione e, una volta sulla schermata principale, seleziona la modalità “Osservatore” o la modalità “Telecamera”.

In pratica, con la modalità Osservatore potrai usare lo smartphone come un dispositivo che ti permette di monitorare i tuoi ambienti da remoto. Al contrario, con la modalità Telecamera potrai usare il telefono come vera e propria telecamera IP. 🙂

Dopo aver scelto la modalità dovrai effettuare l’accesso con il tuo account Google e quindi potrai passare al secondo smartphone, quello che usi di solito:

  • vai sul Play Store di Google e scarica anche qui l’app Alfred Camera;
  • avvia l’applicazione e scegli la modalità “Telecamera”;
  • effettua l’accesso con lo stesso account Google del vecchio smartphone.

Adesso nell’interfaccia principale dell’app, comparirà un riquadro contenente il feed del vecchio smartphone. 😉

Se vuoi personalizzare alcune delle opzioni messe a disposizione da Alfred Camera, puoi farlo facendo tap sull’ingranaggio in alto a sinistra. Potrai:

  • impostare il nome della telecamera;
  • controllare la connessione wireless;
  • attivare o disattivare il rilevatore di movimenti;
  • attivare o disattivare le notifiche.

Se invece fai tap sul segno Play, potrai visualizzare il feed registrato dal telefono negli ultimi sette giorni. 😉

AtHome Camera: Remote Monitor

Una buona alternativa ad Alfred Camera è AtHome Camera: Remote Monitor, un’applicazione da utilizzare insieme all’app AtHome Video Streamer.

Per sfruttare le funzionalità dell’app dovrai:

  • collegare a Internet il nuovo smartphone e scaricare l’app AtHome Camera: Remote Monitor dal Play Store di Google;
  • collegare a Internet il vecchio smartphone e scaricare l’app AtHome Video Streamer dal Play Store di Google;
  • sul nuovo telefono, avviare l’app e creare un account;
  • sul vecchio telefono, avviare l’app e – dopo aver accettato i permessi necessari – generare un QR Code.

Qui il funzionamento è simile a quello delle telecamere IP da interni ed esterni. Infatti, con il tuo smartphone principale dovrai scansionare il QR code presente sul vecchio telefono, così da collegare i due dispositivi.

Puoi farlo dall’app AtHome Camera: Remote Monitor facendo tap su Add First Streamer. Adesso premi Play e sarà possibile guardare in diretta la cattura della tua nuova telecamera di sorveglianza! 😉

WardenCam

Simile ad Alfred Camera, WardenCam è un’alternativa molto interessante soprattutto per le impostazioni che permette di regolare.

Dovrai innanzitutto scaricarla sia sul tuo vecchio smartphone – che userai come telecamera IP – sia sul tuo nuovo smartphone da usare come dispositivo monitor.

Su quest’ultimo, avvia WardenCamera e, dopo aver effettuato l’accesso con l’account Google, seleziona l’opzione Viewer.

Sul vecchio telefono, invece, entra nell’app sempre con lo stesso account Google e seleziona l’opzione Camera.

Come puoi immaginare, saranno questi i due ruoli dei due dispositivi: uno la telecamera di sorveglianza, l’altro il monitor. 😉

Sullo smartphone che utilizzi abitualmente, potrai:

  • visualizzare l’anteprima del feed catturato dal vecchio smartphone;
  • regolare la qualità dell’immagine;
  • impostare la sensibilità della rilevazione dei movimenti;
  • regolare l’esposizione.

Oltre a queste e ad altre opzioni riguardanti le immagini riprese, potrai anche invertire i ruoli. Non sarà necessario, certo, ma avere la possibilità fa piacere. 😉

Usare iPhone come telecamera IP

Per trasformare il tuo vecchio iPhone in telecamera IP serve una procedura simile a quella che abbiamo visto con gli smartphone Android.

Dovrai avere un dispositivo utile a riprendere, uno che funga da monitor e una app che permetta il tutto. 🙂

A questo proposito, un paio già le conosci. Alfred Camera e AtHome Video Streamer hanno infatti delle versioni per iPhone denominate rispettivamente:

Una terza opzione è quella costituita da Presence, app che puoi trovare sull’App Store e che permette di trasformare il tuo vecchio iPhone in una telecamera di sorveglianza.

Il funzionamento è molto simile alle altre app di cui ti ho parlato. Dovrai scaricare Presence su entrambi gli iPhone e quindi seguire le indicazioni per visualizzare il feed ripreso dal vecchio telefono su quello nuovo. 😉

In più, con Presence potrai anche utilizzare un audio a due vie, proprio come una telecamera IP dedicata.

Conclusioni

Come hai visto, trasformare uno smartphone che non usi più in una telecamera di sorveglianza non è un’operazione difficile.

Dovrai soltanto installare un’applicazione apposita e iniziare a riprendere l’ambiente che vuoi sorvegliare.

A questo proposito, il mio consiglio è quello di predisporre dei supporti per il telefono da poggiare su un piano o fissare sulle pareti.

Inoltre, sarà necessario anche utilizzare una custodia impermeabile nel caso tu voglia montare la telecamera IP in esterni. 🙂

Per qualsiasi dubbio sulle procedure che abbiamo visto, non esitare a scrivermi: troveremo insieme la soluzione migliore.

Se invece vuoi direttamente cercare una telecamera dedicata, qui trovi la lista delle migliori! 😉

Matteo Zigliani
Matteo Ziglianihttps://robadainformatici.it
CEO & Founder di www.robadainformatici.it, vivo l'informatica come una passione. Di giorno aiuto le persone a sfruttare la tecnologia a proprio favore, nel tempo libero condivido queste fantastiche conoscenze in questo spazio, con il resto della rete.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

CIAO IO SONO MATTEO!

Creativo, appassionato e divoratore di qualsiasi novità; così descrivo al meglio la mia persona.
Da più di 10 anni mi occupo di informatica, collaboro con persone ed aziende per trovare ogni giorno soluzioni che migliorino la convivenza tra uomo e computer. Sin da piccolo ho sempre nutrito una forte passione per questo mondo, e non vedo l'ora di raccontare tutte le mie esperienze a te! ;-)

SEGUIMI ANCHE SUI SOCIAL! =>

Unisciti a più di 5.000 iscritti!

Da anni Roba da Informatici è un portale dedicato al mondo tech e siamo orgogliosi di aver aiutato più di 10 milioni di persone con i nostri articoli, recensioni e tutorial.

Entra anche tu a farne parte!
Riceverai contenuti premium, News dal mondo tech e tanto altro ancora.



Nuovi da leggere!

WD Black SN850 SSD - Recensione completa

WD Black SN850 SSD – Recensione completa

0
Gli SSD WD Black SN850 sono i successori della già apprezzata serie Black SN750. Rispetto a questi ultimi, le novità sono ovviamente il supporto...