HomeSmartphone e accessoriSmartwatch o smart band - Quale scegliere?

Smartwatch o smart band – Quale scegliere?

Se si dovesse condensare in breve l’evoluzione tecnologica degli ultimi anni, lo si potrebbe fare con due delle principali innovazioni:

  • da una parte, lo sviluppo dei dispositivi smart e quindi della domotica;
  • dall’altra parte, la grande diffusione dei dispositivi indossabili, ovvero della cosiddetta wearable technology.

Laddove anche uno smartphone appartiene in teoria a quest’ultimo gruppo, uno degli esempi più chiari è quello degli smartwatch e delle smart band.

In questa guida, ti mostrerò qual è la differenza fra le due tipologie, quali sono i loro pro e contro, quando conviene acquistare gli uni o gli altri.

Sei pronto? Iniziamo!

Smartwatch o smart band - Quale scegliere?

Cos’è la wearable technology?

Letteralmente “tecnologia indossabile”, la wearable technology raccoglie tutti i dispositivi elettronici che puoi indossare su di te e che svolgono diverse funzioni.

Possono essere i tuoi nuovi auricolari TWS, che si collegano in Bluetooth allo smartphone, o anche gli occhiali smart che molte aziende cercano di sviluppare.

Alcune delle novità di questo tipo riguardano anche capi di vestiario – device indossabili per eccellenza – che integrano funzioni di collegamento a Internet o di monitoraggio della salute.

Tuttavia, quando si parla di tecnologia indossabile subito si pensa agli smartwatch e ai derivati, come i fitness tracker.

La ragione è che:

  • sono molto più diffusi e utilizzati rispetto ad altri dispositivi;
  • sostituiscono spesso l’orologio tradizionale;
  • aggiungono funzioni di tracciamento e rilevazione dei parametri fisici;
  • si integrano alla perfezione con lo smartphone.

Tuttavia, smartwatch e smart band non sono la stessa cosa. Capire a cosa servono e come possono esserti utili ti aiuterà nella scelta del migliore dispositivo che sappia adeguarsi alle tue esigenze. 😉

Smartwatch: cos’è e a cosa serve?

Per capire in breve cos’è uno smartwatch, può anche bastare la traduzione del nome dall’inglese all’italiano. Infatti, si tratta in tutto e per tutto di orologi intelligenti, ma smart vuol dire anche molto altro.

Se infatti il design può ricordare quello degli orologi, l’integrazione con gli smartphone tramite Bluetooth permette anche di:

  • monitorare l’attività fisica o sportiva;
  • ricevere notifiche su chiamate, messaggi e chat;
  • rispondere direttamente dal polso;
  • fare foto o video, nel caso il dispositivo abbia una fotocamera;
  • controllare lo smartphone da remoto, compresa la musica su Spotify o altre app.

Da questo punto di vista, gli smartwatch sono delle vere e proprie estensioni del cellulare. Se i modelli più economici come Amazfit Bip S Lite permettono di fare ben poco, con quelli di fascia alta potrai contare su:

  • un’integrazione più marcata con lo smartphone;
  • un design molto più elegante e vicino agli orologi tradizionali.

Un esempio di questo approccio è il Huawei Watch GT 2.

Cosa deve avere uno smartwatch?

Nella grande quantità di dispositivi che puoi trovare negli store online e fisici, è frequente il rischio di confondersi sulle caratteristiche. Fra modelli che sembrano tutti uguali, sono diversi gli aspetti da adocchiare in uno smartwatch.

Per questo, quando ne compri uno è bene che abbia:

  • display OLED, così da avere la funzione Always On;
  • resistenza alla polvere e all’acqua almeno IP66, con protezione da pioggia e schizzi;
  • batteria con un’autonomia di almeno qualche giorno;
  • possibilità di inserire una SIM, così potrai usare lo smartwatch anche senza smartphone;
  • sensore di luminosità con regolazione automatica in base alle condizioni dell’ambiente.

Da questo elenco, puoi già iniziare a capire quali sono le occasioni in cui potrebbe servirti uno smartwatch:

  • se passi la maggior parte della giornata fuori casa, magari a lavoro;
  • quando non puoi consultare in continuazione lo smartphone o non vuoi prenderlo ogni due secondi;
  • se vuoi dare qualcosa in più al tuo look, con un device elegante ma completo.

In tutti questi casi, uno smartwatch sarà il dispositivo giusto per te. 😉

Smart band: cos’è e a cosa serve?

Un modo di vedere le smart band, o fitness tracker, è quello di considerarli degli smartwatch depotenziati o meglio degli smartwatch specializzati.

Infatti, sono dispositivi pensati per assolvere a una funzione molto specifica, quella di supportare la tua attività sportiva o fisica. Qualsiasi essa sia. 😉

Per farlo, ricorrono a:

  • sensori che misurano la frequenza cardiaca, la pressione del sangue e la saturazione dell’ossigeno;
  • programmi specialistici per l’allenamento o la palestra;
  • protezione IP66 o superiore per la protezione da acqua e polvere.

Inoltre, praticamente tutte le smart band si collegano allo smartphone per inviare notifiche sui messaggi e sulle chiamate in arrivo.

A differenza dei migliori smartwatch, però, non includono moduli GPS o slot per SIM, aspetto che li rende meno completi.

Tuttavia, grazie alle loro funzioni più basilari e pensate per lo sport, fitness tracker come Xiaomi Mi Smart Band 6 sono:

  • più piccoli;
  • più leggeri;
  • meno costosi.

E non è poco. 😉

Perché comprare una smartband?

In quanto dispositivo specializzato, le ragioni per acquistare un fitness tracker sono leggermente diverse rispetto a quelle di uno smartwatch.

Nonostante tu possa utilizzarli per tutto il giorno per controllare l’orario o visualizzare le notifiche da smartphone, la loro funzione riguarda quasi esclusivamente l’attività fisica.

In ogni caso, i migliori modelli offrono diverse funzioni avanzate e componenti hardware premium, per esempio:

  • schermi OLED, con funzioni Always On;
  • cinturini antibatterici pensati per l’uso prolungato;
  • batteria che può durare anche fino a due o tre settimane. 😉

Conclusioni

Smartwatch e smart band non sono la stessa cosa. Sebbene facciano parte dello stesso settore di wearable technology, sono due dispositivi diversi che assolvono a funzioni diverse.

Certo, se stai cercando uno smartwatch o una smartband per un uso non quotidiano, non noterai grandissime differenze e potrai scegliere in base ad altri parametri. Per esempio, l’estetica o le caratteristiche hardware. 🙂

Negli altri casi, questa guida può aiutarti a capire qual è il modello più adatto alle tue esigenze. Per aiutarti a decidere, puoi anche dare un’occhiata agli articoli dedicati:

Per qualsiasi dubbio, invece, non esitare a scrivermi nei commenti! 😉

Matteo Ziglianihttps://robadainformatici.it
CEO & Founder di www.robadainformatici.it, vivo l'informatica come una passione. Di giorno aiuto le persone a sfruttare la tecnologia a proprio favore, nel tempo libero condivido queste fantastiche conoscenze in questo spazio, con il resto della rete.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

CIAO IO SONO MATTEO!

Creativo, appassionato e divoratore di qualsiasi novità; così descrivo al meglio la mia persona.
Da più di 10 anni mi occupo di informatica, collaboro con persone ed aziende per trovare ogni giorno soluzioni che migliorino la convivenza tra uomo e computer. Sin da piccolo ho sempre nutrito una forte passione per questo mondo, e non vedo l'ora di raccontare tutte le mie esperienze a te! ;-)

SEGUIMI ANCHE SUI SOCIAL! =>

Unisciti a più di 5.000 iscritti!

Da anni Roba da Informatici è un portale dedicato al mondo tech e siamo orgogliosi di aver aiutato più di 10 milioni di persone con i nostri articoli, recensioni e tutorial.

Entra anche tu a farne parte!
Riceverai contenuti premium, News dal mondo tech e tanto altro ancora.



Nuovi da leggere!

Usare smartphone come ripetitore WiFi - Guida completa

Usare smartphone come ripetitore WiFi – Guida completa

0
Oggi, molti router wireless riescono abbastanza bene a coprire un’intera abitazione di medie dimensioni. Infatti, finché l’ambiente interno è disposto su un singolo piano e...