Home Cuffie Sennheiser GSP670 - Recensione completa

Sennheiser GSP670 – Recensione completa

Negli ultimi anni, il settore delle cuffie per il gaming è cresciuto a dismisura. Alle molte soluzioni estetiche si sono accompagnati prodotti per tutte le fasce di prezzo.

Tuttavia, sono davvero pochi i modelli che colpiscono davvero, soprattutto se sei un gamer professionista e cerchi particolari caratteristiche.

Per esempio, le Sennheiser GSP 670 sembrano voler impostare un nuovo standard per gli headset di fascia alta. Doppia connessione wireless, fedele riproduzione del suono e design unico ne fanno un prodotto che, a guardarne la scheda, tutti vorremmo avere.

Ma sarà davvero così? Seguimi nella recensione completa: è quello che cercheremo di scoprire insieme! 😉

Sennheiser GSP670 recensione

Pro:

  • design e comfort al top
  • attenzione al suono e ai gamer
  • connessione Bluetooth e wireless a bassa latenza

Contro:

  • prezzo non proprio basso
  • riproduzione non al top per alcuni generi musicali

Sennheiser GSP670: un gaming headset da top gamer – Recensione completa

Sennheiser non ha bisogno di presentazioni. Dalla fondazione nel 1945 l’azienda tedesca si è imposta come un punto di riferimento per le soluzioni audio, soprattutto da studio.

Con le GSP670 invece Sennheiser vuole affermarsi in un settore in costante movimento, come quello delle cuffie dedicate ai videogiocatori. Per farlo, ovviamente, ha pensato a un modello che possiede tutte le caratteristiche giuste per diventare irrinunciabile.

Vedremo nel dettaglio se ci è riuscita. Nel frattempo, se vuoi puoi dare un’occhiata alla pagina Amazon delle Sennheiser GSP670. 😉

Sennheiser GSP670: Gaming Headset

Ergonomia e design delle GSP670

Già a partire dall’impatto estetico, le Sennheiser GSP670 appaiono come un prodotto pensato per un’utenza premium.

Infatti, la costruzione in plastica e metallo non è soltanto solida, ma riesce anche a rendere comodo l’uso delle cuffie. Nonostante i quasi 400 grammi di peso, infatti, l’ottima distribuzione dei materiali e l’ergonomia non ti causeranno alcun affaticamento.

I cuscinetti dei due padiglioni sono in memory foam, in modo da migliorare il comfort generale. Inoltre, sono ricoperti in una simil-pelle che ricorda molto lo scamosciato.

Come potrai sperimentare anche tu, in fatto di indossabilità non posso che apprezzare le scelte di Sennheiser, considerando anche la durata delle sessioni di gioco.

Sennheiser GSP670: Gaming Headset - vista laterale

La cura posta nelle GSP670 e la ricerca di soluzioni intriganti si esprime anche nel set di controlli di queste cuffie wireless. Infatti, sul padiglione sinistro troverai:

  • un pulsante per il pairing Bluetooth;
  • l’ingresso micro-USB per la ricarica della batteria;
  •  il microfono bidirezionale.

Il padiglione destro, invece, ospita:

  • una ghiera per regolare il volume della  chat;
  • una manopola per regolare il volume del gioco;
  • un pulsante al quale potrai assegnare una funzione a tua scelta.

Avrai notato che non ci sono controlli per il microfono. Infatti se per attivarlo ti basterà abbassarlo, per disattivarlo dovrai solo rimetterlo nella posizione iniziale. 😉

Contenuto della scatola

Come puoi vedere, il set delle dotazioni utili a controllare le cuffie è abbastanza fornito e comprende delle opzioni che ti saranno utili in game.

Dove le Sennheiser GSP670 un po’ deludono è nel contenuto della confezione, dove infatti troverai soltanto:

  • Sennheiser GSP670;
  • un dongle USB per la connessione wireless a bassa latenza;
  • un cavo USB da 1,5 metri per la ricarica;
  • il manuale utente.

Certo, un po’ delude la dotazione benché non ci si possa stupire, considerando la politica di Sennheiser. La scarsa presenza di accessori però implica anche una estrema facilità di montaggio e setup, che ho apprezzato molto. 😉

Sennheiser GSP670: Gaming Headset - vista microfono

Sennheiser GSP670: grande qualità audio

Se il lato estetico delle Sennheiser GSP670 non dovesse riuscire a convincerti riguardo alla natura high end di queste cuffie, forse le specifiche tecniche potranno farlo.

Infatti, l’azienda tedesca le ha fornite di due driver con magneti al neodimio, che provvedono a una riproduzione estremamente fedele dei suoni. Inoltre, la risposta in frequenza va dai 10 Hz ai 23 KHz.

Cosa vuol dire? Se quasi tutti gli headset in commercio hanno valori compresi nell’intervallo 20Hz-20KHz, qui la situazione cambia.

Da un lato saranno presenti le frequenze sub-basse, sotto ai 20Hz. Dall’altro le frequenze alte sopra i 20 KHz. Ciò si traduce in una maggiore profondità dell’ascolto.

La sensibilità di 112 dB, invece, ti permetterà di aumentare il volume anche al massimo senza incorrere in un suono innaturalmente graffiato.

Le caratteristiche hardware delle Sennheiser GSP670, in altre parole, sono la base per una riproduzione davvero eccezionale. Te ne renderai conto in qualsiasi videogame proverai ad avviare, ma ce ne sono alcuni in cui questo headset dà il meglio.

In particolare infatti se giochi a FPS, eSports o MMORPG, le Sennheiser GSP670 ti fanno immergere completamente nella sessione di gioco.

E ciò avviene sia con l’impostazione 2.0, sia con il Dolby Digital Surround 7.1, che puoi attivare dal software proprietario di Sennheiser. 😉

Inoltre, l’applicazione è utile anche per altri motivi:

  • impostare la funzione del tasto presente sul padiglione destro;
  • accedere all’equalizzatore delle cuffie;
  • gestire gli effetti;
  • creare profili con impostazioni dedicate.

Sennheiser GSP670

Bluetooth e Wireless: la doppia natura delle Sennheiser GSP670

Per le sue GSP670, Sennheiser ha pensato a una feature parecchio interessante.

Infatti, questo modello dispone di un chip Bluetooth, così da poterlo collegare con tutti i device che supportano la tecnologia.

Tuttavia, al sentire la parola “Bluetooth” qualsiasi gamer storce il naso, e giustamente. Infatti, il BT solitamente si accompagna a una certa latenza del suono, caratteristica di certo non auspicabile mentre stai sparando a dei nazisti su Call of Duty.

Sennheiser ha pensato a come ovviare al problema.

Come hai potuto vedere nella prima parte della recensione, nella scatola troverai un dongle USB. Si tratta di un dispositivo che, collegato al PC o alla PS4, crea una connessione wireless con le tue cuffie.

In pratica, oltre al Bluetooth le GSP670 possono essere usate come delle normali cuffie wireless. In questo modo la latenza si riduce quasi a zero.

Un plauso va anche alla batteria, che a carica completa è arrivata a 17-18 ore, mentre con una carica di dieci minuti potrà supportarti per ben 2 ore.

Una caratteristica non da poco, soprattutto nei “momenti d’emergenza”. 😉

Sennheiser GSP670: Gaming Headset
2 Recensioni

Conclusioni

Sennheiser ha senza dubbio confezionato un prodotto di altissimo profilo, attento sia alla riproduzione che alle esigenze dei videogamer e degli streamer.

L’ottima resa acustica, in game ma anche in altre attività, la qualità del microfono e l’attenzione al comfort, rendono le Sennheiser GSP670 un must have per tutti coloro che vogliono qualcosa di più dalle loro sessioni di gioco.

Certo, il prezzo non è basso, anche se ultimamente ho notato una leggera diminuzione. Ma questo è uno dei pochi difetti di questo modello, che saprà compensare con la qualità. 😉

Se però vuoi guardarti intorno, dai un’occhiata alla guida alle migliori cuffie per il gaming. Ce n’è per tutte le esigenze e tutte le tasche! 😉

Matteo Ziglianihttps://robadainformatici.it
CEO & Founder di www.robadainformatici.it, vivo l'informatica come una passione. Di giorno aiuto le persone a sfruttare la tecnologia a proprio favore, nel tempo libero condivido queste fantastiche conoscenze in questo spazio, con il resto della rete.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

CIAO IO SONO MATTEO!

Creativo, appassionato e divoratore di qualsiasi novità; così descrivo al meglio la mia persona.
Dalla mia passione per i computer e l’informatica è nato il mio lavoro quotidiano, dal mio lavoro è nato questo fantastico spazio, dove scrivo delle mie esperienze e do consigli gratuiti a tutti gli utenti, che necessitano di un aiuto per risolvere i loro problemi tecnologici quotidiani.
Tutti i giorni collaboro con persone ed aziende, al fine di trovare possibili soluzioni, che migliorino l’impatto delle persone con la nuova tecnologia.
Ogni uomo ha una storia ed ogni storia merita sempre di essere raccontata.
Seguimi e ne scoprirai delle belle 😉

SEGUIMI ANCHE SUI SOCIAL! =>

Nuovi da leggere!

apeman 4k recensione

Apeman 4K: action cam – Recensione completa

Fino a qualche anno fa, il mercato delle action cam si era concentrato attorno a due poli. Da una parte, il settore high end, con...