Cuffie Wireless – Come funzionano

0

In certi casi, i cavi delle cuffie possono diventare una vera e propria seccatura. Soprattutto se stai guardando un film sulla tv o ascoltando musica dallo smartphone. 🙁

In teoria, cavi più lunghi servirebbero a darti un maggiore spazio di controllo quando ti muovi ma, nella realtà, questo non succede mai.

Ti sarà capitato molto più spesso di lottare con i cavi per trovare una sistemazione che non fosse sempre in mezzo a tutti i tuoi movimenti.

Per questa ragione, oggi sono sempre più diffuse le cuffie wireless. Si tratta di cuffie che permettono di ascoltare musica o vedere un film senza bisogno di fili.

Ma come funzionano? Quali sono i tipi di cuffie wireless che potresti trovare in un negozio? Quali cuffie conviene acquistare a seconda dell’utilizzo che ne fai?

Se ti sei mai fatto queste domande, o se vuoi saperne di più, seguimi in questa guida! 🙂

Cuffie Wireless - Come funzionano

Cuffie wireless: come funzionano

Se hai sentito parlare di cuffie senza fili o wireless (in alcuni casi, anche di cuffie cordless), si tratta di cuffie che sfruttano la tecnologia a radiofrequenza.

Questa espressione – spesso sinonimo di radiocomunicazione – indica ogni forma di comunicazione senza fili che usa il canale radio per portare a distanza l’informazione.

Per fare ciò, vengono usati segnali elettromagnetici che appartengono alle frequenze radio o alla banda radio.

Potrebbe sembrarti un argomento complesso (per certi versi lo è davvero). Però puoi capire a cosa ci si riferisce con radiocomunicazione grazie a questi semplici esempi:

  • radio e televisione;
  • reti cellulari e satellitari;
  • network Wi-Fi e reti WLAN.

Come vedi, si tratta anche di dispositivi che utilizzi tutti i giorni! 🙂

Dal momento che le cuffie wireless utilizzano la banda radio, per inviare il segnale c’è bisogno di un trasmettitore. Per la ricezione, invece, di solito un’antenna di piccole dimensioni è contenuta all’interno della cuffia.

A seconda dei modelli, il trasmettitore può avere forme e funzioni molto particolari.

Per esempio, le Philips SHC5200 possiedono un trasmettitore di piccole dimensioni che presenta un’antenna al centro.

Al contrario, nella maggior parte dei modelli il trasmettitore è progettato per essere anche una comoda base d’appoggio per le cuffie. Un esempio sono le Sennheiser RS120.

Inoltre, per utilizzare le cuffie wireless ricorda di collegare il jack audio dal trasmettitore nell’ingresso audio del dispositivo che vuoi usare come sorgente.

Vantaggi e svantaggi delle cuffie wireless

Come avviene per gli esempi che hai appena visto, la comunicazione con segnali radio utilizza una tecnologia alternativa alla comunicazione via cavo o cablata.

I vantaggi sono straordinari, soprattutto nel caso delle cuffie wireless. Il trasporto senza fili del segnale audio, infatti, consente una libertà di movimento unica che non potresti avere con delle cuffie tradizionali.

Fra gli altri, questi sono i vantaggi delle cuffie wireless:

  • hanno un raggio d’azione molto ampio, fino a 100 metri;
  • possono essere usate con tantissimi dispositivi sorgente: tv, computer, impianti stereo, console, laptop;
  • la potenza del segnale è ottima, sempre entro il raggio massimo della portata;
  • potenzialmente, puoi collegare al trasmettitore più di un paio di cuffie, che quindi condivideranno la banda.

Sfortunatamente, le cuffie wireless hanno anche alcuni svantaggi, dovuti soprattutto alla tecnologia a radiofrequenza, fra cui:

  • la qualità del segnale potrebbe diminuire con dei muri o degli ostacoli fra il trasmettitore e l’antenna contenuta nelle cuffie;
  • la qualità complessiva potrebbe inoltre diminuire se la banda è condivisa da più dispositivi;
  • costano mediamente di più rispetto alle versioni con cavo.

Le cuffie wireless non sono cuffie bluetooth

Molto spesso quando si parla di cuffie wireless si tende a confonderle con le più diffuse cuffie bluetooth.

In realtà, da un lato la confusione è giustificabile perché entrambe utilizzano una tecnologia senza fili. Dall’altro lato, tuttavia, si tratta comunque di tipologie di dispositivi che sfruttano due protocolli di comunicazione diversi.

Infatti, le cuffie wireless utilizzano una banda radio che consente una portata impensabile per altri dispositivi atti alla ricezione di segnali Wi-Fi.

Al contrario, la tecnologia bluetooth consente di creare una rete wireless privata che viaggia sulla banda da 2.4 GHz a 2.485 GHz, ma il raggio d’azione arriva a 10 metri.

Se vuoi saperne di più, leggi pure il mio articolo su come funzionano le cuffie bluetooth!

Oltre le onde radio: le cuffie a raggi infrarossi

Come hai visto, le cuffie che sfruttano le onde radio costituiscono la soluzione più diffusa se vuoi ascoltare la musica, o vedere un film, senza preoccuparti dei cavi e ostacoli.

Al vantaggio della grande portata, tuttavia, le cuffie wireless associano lo svantaggio di possibili interferenze che non sempre è possibile evitare.

Per risolvere il problema, potrebbe interessarti un’altra tipologia di cuffie senza fili. Si tratta di cuffie che utilizzano la trasmissione del segnale audio attraverso i raggi infrarossi.

Gli infrarossi sono un tipo di radiazione con una banda di frequenza inferiore a quella della luce visibile ma superiore a quella delle onde radio.

Se ci pensi, hai già avuto a che fare con questo tipo di trasmissione dei dati: i telecomandi delle TV utilizzano i segnali a infrarossi per dire alla televisione come cambiare canale! 🙂

Come avviene per le onde radio, anche per le cuffie IR c’è bisogno di un trasmettitore. In questo caso però il segnale elettrico è trasformato in un segnale infrarosso.

La connessione mediante infrarossi è molto affidabile: la qualità del segnale sarà ottima.

Inoltre, fra i suoi vantaggi, ha quello di non entrare in conflitto con i dispositivi che usano le onde radio. Purtroppo però la tecnologia IR ha lo svantaggio di una portata molto bassa.

In pratica, ti consiglio delle cuffie IR come le DDAUTO D1001S soltanto se:

  • ascolti musica o guardi un film all’interno di una stanza;
  • hai molti dispositivi connessi con Wi-Fi;
  • vuoi evitare di spendere molto.

Conclusioni: quando comprare delle cuffie wireless

Usare delle cuffie wireless potrebbe risolvere un bel po’ di problemi pratici, compreso l’eterno ingarburgliarsi dei fili. 🙂

Per quanto riguarda la fedeltà dell’audio, in gran parte dipende proprio dalla qualità delle cuffie. Non dovrai preoccuparti del segnale radio: a meno di grandi ostacoli o di muri portanti, non costituirà mai un impedimento al tuo ascolto.

A questo proposito, come hai visto le cuffie wireless hanno un bel po’ di vantaggi e qualche svantaggio. Ti consiglio di provarne un paio se:

  • ti muovi spesso e vuoi utilizzarle anche allontanandoti di molto dalla sorgente del suono;
  • hai bisogno di un dispositivo da utilizzare con tv, computer, stereo, console e così via;
  • non ti sei trovato benissimo con cuffie bluetooth o IR e vuoi provare qualcosa di diverso.

In questo articolo ho cercato di spiegarti come funzionano le cuffie wireless e come si differenziano da altri tipi di cuffie senza fili.

Il funzionamento di base è identico per tutti i modelli, ma i tipi di cuffie a radiofrequenza sono tantissimi. Se sei interessato e vuoi dare un’occhiata a qualcuno, leggi pure la mia guida alle migliori cuffie wireless!

Sommario
Cuffie Wireless - Come funzionano
Nome Articolo
Cuffie Wireless - Come funzionano
Descrizione
Scopri e impara come funzionano le cuffie wireless
Autore
Editore
Roba da Informatici
Logo Editore

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here