Come collegare due Monitor al PC

2

Spesso, per lavorare in modo più comodo con il tuo computer, un solo monitor può anche non bastare. Ciò avviene soprattutto se vuoi utilizzare più applicazioni in contemporanea e lo spazio sul display non è sufficiente ad aprirle nello stesso momento.

In questa guida, cercherò di mostrarti come collegare due monitor al PC e come regolare al meglio le impostazioni per la migliore praticità d’utilizzo.

Scorri in basso per scoprire come!

Come collegare due Monitor al PC

Come collegare due Monitor su Windows 10

Effettuare il collegamento di due monitor a un PC non è un’operazione complicatissima. Dovrai però prestare attenzione ad alcuni fattori:

  • qual è l’interfaccia del segnale video in uscita dal computer?
  • di quale interfaccia per il segnale video è fornito il monitor?
  • quale tipo di monitor è consigliato?

Soprattutto in quest’ultimo caso, è importante capire a cosa ti serve il secondo monitor. Se è per lavoro, allora dovrai orientarti a degli ottimi monitor per PC, che abbiano delle caratteristiche simili al tuo monitor principale.

Ecco adesso gli step principali per collegare due monitor a un PC con Windows 10.

I procedimenti che ti mostrerò ovviamente, sono utili anche per collegare tre monitor al tuo computer, tutto va in base alla quantità di monitor che hai a disposizione, e quanti output possiede la tua scheda video collegata al pc.

#1 Individua le porte di output del segnale video dal computer

Di norma, a occuparsi del segnale video è la GPU o graphics processing unit, e lo fa tramite la scheda grafica oppure all’interno di un microprocessore. Pertanto, le porte da individuare saranno sulla scheda video oppure sulla scheda madre del tuo computer.

Di solito, le interfacce principali sono:

  • DVI, o digital visual interface;
  • HDMI, o high-definition multimedia interface;
  • VGA, o video graphics array: si tratta di uno standard analogico non più in uso che però potresti trovare su alcuni PC datati.

Lo standard più utilizzato oggi è senza dubbio l’HDMI, che non soltanto ha la particolarità di poter trasportare un segnale video in alta definizione, ma è anche in grado di trasportare un segnale audio di alta qualità.

Per questa ragione, i monitor per pc degli ultimi anni hanno anche un’uscita audio, molto comoda in alcuni casi dove magari le tue cuffie o le casse hanno un cavo molto corto.

#2. Collega il tuo secondo monitor alla porta adatta

Si tratta di un’operazione semplice da effettuare. Dovrai solo verificare che la porta sia libera sulla scheda video o sulla scheda madre.

Se per esempio hai soltanto un’uscita DVI libera e il tuo monitor necessita di un ingresso VGA, allora dovrai procurarti un adattatore. Ma non c’è da preoccuparsi: sono molto diffusi e costano davvero pochissimo. Spesso vengono addirittura dati come accessori nella dotazione dello schermo o in quella della scheda grafica.

Se invece hai per esempio un solo ingresso HDMI e due monitor da collegare, allora sarà meglio dotarsi di un cavo di collegamento con uno splitter. In questo modo, potrai collegare i due monitor allo stesso ingresso senza alcun problema.

Fatto questo, basta attendere che Windows 10 riconosca il nuovo dispositivo collegato e lo installi correttamente. Adesso sei pronto per configurare il secondo monitor!

#3. Configura il tuo secondo monitor

In Windows 10, clicca sul simbolo a fumetto nell’angolo in basso a destra del display. Ti si aprirà una schermata con una serie di opzioni su luminosità, batteria, rete e così via.

Clicca su Proietta. In questo modo, potrai scegliere fra diverse opzioni d’uso del tuo primo e secondo monitor:

  • Solo schermo PC: l’opzione più comune perché utilizza il primo monitor come unico schermo del tuo PC;
  • Duplica: consente di duplicare il display del primo monitor sul secondo;
  • Estendi: l’alternativa più utile se devi usare più applicazioni in contemporanea, perché consente di dividere il desktop fra i due monitor;
  • Solo secondo schermo.

Potrai aprire anche le Impostazioni Schermo, semplicemente cliccando sul desktop con il tasto destro, selezionando la voce nel menù. Dovrebbe essere la penultima scelta.

Ecco fatto. In questo modo potrai utilizzare il secondo monitor nel modo più adatto alle tue esigenze di gioco, studio o lavoro.

Come collegare un secondo Monitor al Portatile

In molti casi può essere estremamente utile collegare un secondo monitor al tuo laptop. Per esempio, in caso di problemi al primo schermo oppure se hai bisogno di uno schermo più adatto a visualizzare dei dettagli in alta definizione, come un monitor 4K.

Il procedimento per collegare un secondo monitor al notebook è identico a quello che ti ho già mostrato nel caso di un computer fisso. L’unica cosa che cambia leggermente è che nella maggior parte dei casi il portatile avrà una sola uscita per il segnale video.

Le interfacce più diffuse sono la porta VGA, come nei portatili di qualche anno fa, e la porta HDMI nel caso di portatili più recenti. Anche in questo caso, se il tuo secondo schermo non ha la medesima porta del portatile, basterà dotarsi di un adattatore.

Dopo aver collegato il secondo schermo, puoi scegliere come utilizzarlo: se duplicare o estendere l’immagine del primo schermo o utilizzare soltanto la nuova aggiunta.

Fatto questo, ecco alcuni accorgimenti:

  • in alcune situazioni, potresti non riuscire a estendere l’area di lavoro del desktop sul secondo monitor: in questi casi sarà necessario aggiornare Windows da Windows Update oppure aggiornare i driver della scheda video;
  • se scegli di utilizzare soltanto il secondo monitor (se stai guardando un film in tv tramite il laptop, per esempio), ricorda di modificare le impostazioni per il risparmio energetico: così potrai chiudere lo schermo senza mandare in sospensione il PC.

Conclusioni

In questa guida ho cercato di mostrarti come collegare due monitor al PC, nei due casi più frequenti: un PC con Windows 10 e un computer portatile.

Come ti avevo accennato più su nella guida, la scelta del secondo monitor può variare a seconda degli utilizzi che devi farne. Per esempio, potresti aver bisogno di un monitor da gaming oppure di uno con un pannello IPS piuttosto che TN.

I casi sono tantissimi, ma qui sul sito puoi trovare altrettante guide pronte ad aiutarti al meglio delle possibilità.

Se hai qualche domanda, ricorda che puoi sempre scrivermi nei commenti: cercherò di darti una mano a risolvere il tuo problema!

Sommario
Come collegare due Monitor al PC
Nome Articolo
Come collegare due Monitor al PC
Descrizione
Ecco come collegare in poco tempo due monitor allo stesso computer
Autore
Editore
Roba da Informatici
Logo Editore

2 Commenti

  1. Grazie della guida! Avevo un vecchio monitor HP abbandonato in casa e ho deciso di sfruttarlo. Pur essendo vecchio e non avendo una buona resa colori (da quel che ho letto è un pannello TN), la differenza lavorando si sente eccome, e non so se riuscirò a tornare ad usare un singolo monitor 🙂

    • Ah e dimenticavo, se il vostro computer/gpu non supporta la conversione passiva da analogico a digitale vi servirà un cavo VGA ad HDMI attivo, anche uno di quelli cinesi va benissimo e costa anche poco!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here