HomeComputer, componenti e accessoriCome scegliere la stampante - Guida completa

Come scegliere la stampante – Guida completa

Capire come scegliere la stampante giusta per le tue esigenze non è semplice. Nonostante ormai i documenti digitali siano più diffusi che in passato, le stampanti sono periferiche ancora molto utili sia in ambito domestico che aziendale.

Oggi sono tantissimi i modelli presenti sul mercato e ognuno ha proprie caratteristiche, vantaggi e svantaggi.

Come fare quindi a capire qual è la stampante adatta per te?

Scopriamolo in questa guida completa, nel corso della quale ti mostrerò gli aspetti più importanti da tenere in considerazione quando ne scegli una! 😉

Come scegliere la stampante - Guida completa

Come scegliere la stampante?

Per scegliere la stampante, non puoi soltanto vedere cosa riesci a ottenere con il tuo budget prefissato.

Allo stesso tempo, decidere di acquistare una stampante a getto d’inchiostro, una stampante laser o una stampante multifunzione non dice tutto su cosa potrai farci.

La prima domanda a cui rispondere infatti è: a cosa ti serve?

Dovrai capire se stampi molto e se hai la necessità di stampare a colori, se hai anche bisogno di uno scanner e se preferisci un collegamento WiFi al computer, e così via.

Per aiutarti a capire come scegliere la stampante, allora, gli aspetti da tenere in considerazione sono:

  • le diverse tipologie disponibili;
  • come collegare la stampante;
  • formati della carta e tipo di stampa;
  • manutenzione della stampante.

Vediamoli in particolare! 😉

Stampante a getto d’inchiostro, laser o multifunzione?

Come ti accennavo più su in questa guida, la prima scelta riguarda la tipologia della stampante da scegliere e, quindi, le tue esigenze di stampa. 😉

In generale, le stampanti si possono suddividere in due grandi gruppi.

Il primo gruppo è costituito dalle stampanti a getto d’inchiostro. Come dice la parola stessa, l’inchiostro contenuto in specifiche cartucce viene “spruzzato” direttamente sul foglio di carta riga dopo riga.

Si tratta di modelli che costano meno rispetto alle controparti e occupano anche meno spazio, ma spesso richiedono più manutenzione. Senza contare il costo delle cartucce che, per non incorrere in problemi di stampa, vanno prese originali.

Nonostante questo, le stampanti a getto d’inchiostro vanno bene per i documenti – anche se sono un po’ lente – e stampano benissimo le immagini a colori. 😉

Il secondo gruppo è costituito dalle stampanti laser. La meccanica è completamente diversa rispetto alla tipologia precedente.

Esse infatti utilizzano il calore generato per fondere la polvere di cui è composto il toner per imprimere sul foglio bianco la stampa inviata dal PC.

Sono molto più veloci anche se la maggior parte dei modelli stampa soltanto in bianco e nero. Inoltre, le stampanti laser costano anche in media di più rispetto alle stampanti a getto d’inchiostro.

Esiste anche un terzo gruppo, ossia quello delle stampanti multifunzione. Come puoi intuire, si tratta di modelli che hanno più funzioni: a quelle di stampa uniscono la scansione e la copia.

Possono essere sia a getto che laser, ma le migliori stampanti multifunzione appartengono al secondo gruppo e sono ideali anche per piccoli uffici. 😉

Come collegare la stampante

In un mondo in cui ormai tutto si collega tramite WiFi, sarebbe strano se le stampanti non si fossero aggiornate.

Certo, il modo più diretto e affidabile di collegare una stampante al PC è sempre il vecchio e affidabile cavo USB.

Non si tratta però della soluzione più comoda, soprattutto in ambienti dove ti sposti spesso da una stanza all’altra o se vuoi stampare da smartphone.

Per tale ragione, molte stampanti dispongono anche di un modulo WiFi che permette di collegarle alla rete WLAN. In questo modo, potrai accedere alle funzioni di stampa da tutti i computer collegati in rete.

In alternativa, alcuni modelli dispongono anche di una porta Ethernet per il collegamento via cavo alla rete LAN.

Sebbene finiscano per collegarsi sempre al router, le differenze fra WiFi e Ethernet sono molte. Da una parte, il WiFi è comodo e permette la stampa senza fili; dall’altra parte, tramite Ethernet hai una maggiore stabilità.

Il mio consiglio è di:

  • scegliere una stampante dotata del solo cavo USB se intendi utilizzarla con un dispositivo alla volta e se hai un budget contenuto;
  • preferire una stampante WiFi per l’uso domestico e la stampa da più dispositivi, per esempio computer fisso, portatile e smartphone;
  • indirizzarti verso una stampante con porta LAN per l’ufficio, per i contesti aziendali o se hai un ambiente cablato per la rete LAN.

Formati della carta e tipo di stampa

La grandissima maggioranza delle stampanti oggi in commercio supporta la stampa di fogli A4, la classica dimensione 21 x 29,7 cm.

Se non hai esigenze particolari, il formato A4 andrà benissimo e non avrai bisogno di modelli che supportano anche l’A3 o fogli più grandi.

Il formato supportato da una stampante è solo una delle caratteristiche da considerare quando ne scegli una. Infatti, rivestono una particolare importanza anche:

  • la velocità di stampa dei fogli, espressa in PPM o Pages Per Minute (pagine al minuto);
  • la risoluzione di stampa delle immagini, espressa in DPI o Dots per Inch (punti per pollice).

Per quanto riguarda la velocità di stampa, essa può variare da stampante a stampante. In linea generale, però, quelle a getto d’inchiostro sono più lente (alcune addirittura 7 PPM) mentre quelle laser sono molto più veloci e superano anche le 30 PPM.

Per quanto invece riguarda la risoluzione di stampa, si tratta della definizione che un’immagine avrà quando stampata sul foglio di carta. Riguarda più le stampanti a colori e, di conseguenza, quelle a getto d’inchiostro o quelle multifunzione. 😉

In aggiunta a tutti i parametri che abbiamo visto finora in relazione al formato e al tipo di stampa, altre caratteristiche importanti da tenere in considerazione sono:

  • il supporto alla stampa fronte retro automatica;
  • la compatibilità con carta di grammatura superiore.

Manutenzione della stampante

Sebbene negli ultimi anni le stampanti abbiano subito una grandissima evoluzione, un aspetto non è mai cambiato: la loro manutenzione.

Oltre alle caratteristiche tecniche di una stampante, al tipo di stampa, alle funzionalità, e così via, infatti, devi considerare anche:

  • costo delle cartucce, per le stampanti a getto d’inchiostro;
  • costo del toner, per le stampanti laser;
  • consumo energetico, nel caso di modelli che userai per diverse ore al giorno.

Nel caso delle cartucce, il mercato è pieno di stampanti vendute a prezzo stracciato ma con cartucce più costose dell’oro, e qualcosa di simile si può dire per i toner.

Un ultimo aspetto da approfondire riguarda poi la rumorosità della stampa. Le stampanti non sono famose per essere dispositivi silenziosi, anzi.

Proprio per questa ragione, è importante capire quanto rumore farà il modello che ti interessa e se è sopportabile anche con un uso frequente. 😉

Quanto spendere per una stampante?

La domanda delle domande, in un certo senso. 🙂

Esistono infatti stampanti che trovi anche intorno ai 50 euro e che promettono tutto il possibile, per ritrovarsi a spendere la stessa cifra per una cartuccia.

Poi magari ritrovi stampanti laser con solo USB che stampano in bianco e nero e senza fronte retro automatico a più del triplo.

Come scegliere la stampante giusta, allora?

Dopo aver capito quali sono le tue esigenze e quindi quale uso ne farai, puoi valutare i diversi modelli. Se hai un budget contenuto e ti serve una stampante, allora vai su un modello economico: il costo delle cartucce è l’ultima cosa da considerare.

Se invece stampi tanti fogli – documenti, progetti, tesine, etc. – e non ti interessa il colore, allora ha senso investire un po’ di più e scegliere una stampante laser.

La necessità di stampare, fare copie e scansioni porta ovviamente verso una stampante multifunzione e, a seconda del budget, puoi sceglierne una a getto d’inchiostro o una laser.

In generale, buttati sui marchi conosciuti:

  • Epson, Canon e anche HP per le stampanti a getto d’inchiostro;
  • Brother e Samsung per le stampanti laser.

Dovrai cercare di raggiungere il miglior compromesso fra caratteristiche, prestazioni, affidabilità e budget. 😉

Prezzi estratti dall'API per la pubblicità dei prodotti Amazon su:

Conclusioni

Come hai potuto vedere, capire come scegliere la stampante richiede di approfondire meglio alcuni aspetti importanti.

La tipologia di stampante è quello fondamentale, ma attorno ce ne sono altri che influiscono molto sull’utilizzo che ne farai e sui costi di manutenzione.

Se vuoi già scegliere il tuo prossimo modello, dai un’occhiata alla guida sulle migliori stampanti.

Per qualsiasi dubbio o consiglio, invece, scrivi pure un commento qui sotto! 😉

Matteo Zigliani
Matteo Ziglianihttps://robadainformatici.it
CEO & Founder di www.robadainformatici.it, vivo l'informatica come una passione. Di giorno aiuto le persone a sfruttare la tecnologia a proprio favore, nel tempo libero condivido queste fantastiche conoscenze in questo spazio, con il resto della rete.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

CIAO IO SONO MATTEO!

Creativo, appassionato e divoratore di qualsiasi novità; così descrivo al meglio la mia persona.
Da più di 10 anni mi occupo di informatica, collaboro con persone ed aziende per trovare ogni giorno soluzioni che migliorino la convivenza tra uomo e computer. Sin da piccolo ho sempre nutrito una forte passione per questo mondo, e non vedo l'ora di raccontare tutte le mie esperienze a te! ;-)

SEGUIMI ANCHE SUI SOCIAL! =>

Unisciti a più di 5.000 iscritti!

Da anni Roba da Informatici è un portale dedicato al mondo tech e siamo orgogliosi di aver aiutato più di 10 milioni di persone con i nostri articoli, recensioni e tutorial.

Entra anche tu a farne parte!
Riceverai contenuti premium, News dal mondo tech e tanto altro ancora.



Nuovi da leggere!

Behringer U-Phoria UM2 - Recensione completa

Behringer U-Phoria UM2 – Recensione completa

0
Oggi tutte le schede madre hanno un qualche tipo di interfaccia audio. I modelli più economici supportano sistemi audio 2.1, mentre quelli più avanzati...