Cos’è il Backlight Bleeding?

Il Backlight Bleeding è un fenomeno che si verifica su alcuni monitor, in cui compaiono aloni in determinate aree del pannello.

Solitamente, avviene in corrispondenza dei bordi e si nota quando la luce ambientale è minima mentre la luminosità del monitor è alta.

Il Backlight Bleeding, che si può tradurre come “dispersione della retroilluminazione”, è caratteristico soprattutto dei pannelli IPS.

Benché possa verificarsi anche in altre tipologie di monitor, lì non è così frequente.

Ma cosa lo causa e, soprattutto, si può risolvere?

Scopriamolo in dettaglio! 😉

Cos'è il Backlight Bleeding

Backlight Bleeding: le cause

Il fenomeno del Backlight Bleeding è strettamente legato al modo in cui i cristalli liquidi di un pannello riflettono la retroilluminazione a LED per creare i pixel.

Come puoi leggere in particolare nella guida sulle differenze fra monitor TN e IPS, queste due tipologie si distinguono per:

  • il modo in cui i cristalli liquidi interagiscono con la retroilluminazione;
  • le prestazioni in situazioni diverse;
  • la qualità dell’immagine.

In particolare, i pannelli IPS sono composti da più strati che vengono sovrapposti con angolazioni diverse.

Se la stratificazione non è perfetta, c’è il rischio che si crei una leggera pressione:

  • da una parte, che tende a spostare di poco i cristalli liquidi;
  • dall’altra parte, che causa una differenza nel modo in cui la retroilluminazione penetra nelle diverse zone.

Il risultato è una variazione nel modo in cui la luce incontra i cristalli e crea i pixel dello schermo, da cui il Backlight Bleeding.

In breve, se la retroilluminazione non è completamente uniforme si possono verificare particolari aloni in piccole porzioni dello schermo.

Dal momento che questa proviene dal centro dello schermo, il Backlight Bleeding è più frequente ai margini.

Inoltre, è più difficile da notare se:

  • diminuisci la luminosità del monitor, anche di poco;
  • aumenti la luminosità ambientale.

In alcuni modelli, a crearlo contribuisce anche la temperatura raggiunta durante il normale utilizzo, perché porta a una leggera dilatazione dei materiali.

Si può risolvere il Backlight Bleeding?

Come avrai intuito, questo fenomeno dipende sostanzialmente da due fattori:

  • la tecnologia IPS che determina l’interazione fra retroilluminazione e cristalli liquidi;
  • il controllo qualità da parte dei produttori di monitor.

Per questa ragione, non è possibile risolvere il problema una volta per tutte, nel caso si presenti.

Infatti, se è molto presente il mio consiglio è di sostituire il monitor. Al contrario, se è limitato allora ti basterà agire sulla luminosità per ridurne leggermente gli effetti.

Per fortuna, man mano che la ricerca tecnologica va avanti i pannelli IPS sono costruiti con un controllo qualità più efficace. 😉

Backlight Bleeding vs IPS Glow

Se hai un monitor IPS, un altro fenomeno che può verificarsi è l’IPS Glow. Benché sia in apparenza simile al Backlight Bleeding, ci sono alcune differenze.

Il “bagliore IPS” infatti:

  • avviene agli angoli e con immagini molto scure a schermo;
  • varia a seconda dell’angolo di visione;
  • tende a ridursi se aumenti la distanza dal monitor.

l’IPS Glow si presenta come un bagliore su alcune zone del pannello rispetto ad altre che invece presentano le normali caratteristiche di un display.

Come abbiamo visto nei paragrafi precedenti, la causa principale è la tecnologia IPS, per cui può essere limitata solo dal controllo qualità e dalle migliorie ai pannelli.

Tuttavia, nel caso dovessi notare fenomeni di IPS Glow che non sono estremamente fastidiosi, ti basterà utilizzare le stesse soluzioni temporanee che abbiamo già visto.

Inoltre, cambiare angolo di visione e distanza di visualizzazione può aiutare. 😉

Conclusioni

Il Backlight Bleeding e, in parte, l’IPS Glow sono due fenomeni dei monitor IPS che possono influenzare la tua esperienza nel gaming o nelle task quotidiane.

Nonostante siano costitutive della tecnologia, non sono così frequenti come potrebbe sembrare a prima vista. Allo stesso tempo, nel caso si presentino e non siano troppo diffuse, sono facilmente aggirabili.

D’altronde, i vantaggi di un monitor IPS sulle alternative sono notevoli: migliore resa cromatica e qualità generale delle immagini a schermo.

Tuttavia, proprio per evitare brutte sorprese ti consiglio di scegliere il tuo monitor fra i migliori disponibili per PC.

E per qualsiasi dubbio sull’argomento, scrivimi pure nei commenti! 😉

Articolo precedenteCos’è il PCI-Express?
Articolo successivoCos’è il Bluetooth?
CEO & Founder di www.robadainformatici.it, vivo l'informatica come una passione. Di giorno aiuto le persone a sfruttare la tecnologia a proprio favore, nel tempo libero condivido queste fantastiche conoscenze in questo spazio, con il resto della rete.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui