Home videosorveglianza Differenze tra Telecamere IP e Analogiche

Differenze tra Telecamere IP e Analogiche

Negli ultimi anni si è vista una grande espansione delle telecamere IP a discapito di quelle analogiche, favorita dal drastico abbassamento dei costi di questa nuova tecnologia.

I primi ostacoli (oltre a quello del prezzo) sono stati anche la maggiore difficoltà di configurazione dei dispositivi, poiché servivano buone conoscenze di informatica, per poter far funzionare correttamente delle telecamere in una rete locale.

Negli ultimi anni si è fatto un enorme passo avanti, ed ora è possibile avere a disposizione delle telecamere ad ip, in grado di configurarsi in modo automatico ed in pochi minuti, comunicando anche con l’esterno, grazie alle applicazioni fornite dai produttori.

Se anche tu vuoi addentrarti in questo mondo, e vuoi scoprire le differenze tra una telecamera analogica ed una telecamera ad ip, non ti rimane altri che continuare nell’articolo e scoprire tutti i dettagli. 😉

Differenze tra Telecamere IP e Analogiche

Principali differenze tra telecamere IP e analogiche

Si può dire che entrambi le soluzioni funzionano bene, la differenza sostanziale sta nella qualità dell’immagine, ove l’analogico oltre ad un certo limite non può spingersi, e sulla distanza che le registrazioni percorrono, prima di essere elaborate e visualizzate.

Risoluzione

Come ti ho accennato nelle righe precedenti, le telecamere analogiche non possono superare un certo limite di risoluzione, che è pari a 960×576 Pixel. Al contrario le telecamere ad IP non hanno questo limite, poiché le informazioni viaggiano sulla rete.
La massima risoluzione supportata ad oggi per le telecamere ad IP è 3840×2160, risoluzione comunemente denominata 4K, anche se praticamente inutilizzata, a causa del largo consumo di banda e spazio di archiviazione per le registrazioni.

Collegamento

Un’altra differenza sostanziale, sta nel collegamento e nell’alimentazione della telecamera. Nel caso di una telecamera analogica, video ed alimentazione dovranno essere separati, ed avrai un minimo di due cavi.

In una telecamera ad IP invece, la corrente elettrica necessaria al funzionamento, può scorrere nello stesso cavo in cui passano i dati, grazie a degli appositi alimentatori POE, oppure a degli switch POE. In questo modo avrai bisogno di un solo cavo.

Nel caso avessi una buona rete Wi-Fi nel tuo ufficio o nella casa, ad oggi sono in commercio anche delle telecamere wifi in grado di connettersi alla tua rete locale utilizzando la Wi-Fi. In questo modo dovrai solo preoccuparti di collegare la telecamere alla corrente elettrica.

Scalabilità e flessibilità

Il fatto di avere un impianto di videosorveglianza basato su telecamere ad IP, da sicuramente una migliore flessibilità e scalabilità, a chi magari dopo qualche tempo vuole aggiungere una o più telecamere.

In ambito analogico, le telecamere devono quasi sempre essere monomarca, ed aggiungerne una nel caso il modello sia fuori produzione è sempre un problema.

Se possiedi una rete di telecamere ad IP, aggiungerne una non comporta praticamente nessun rischio o problema, una volta collegata alla rete inizierà a sorvegliare.

Costo dell’impianto di videosorveglianza

Non c’è dubbio che un sistema di videosorveglianza basato su telecamere analogiche, è più economico e semplice da configurare. Con pochi euro si possono comprare le telecamere ed il DVR per centralizzare le registrazioni.

Conoscenza tecnica

La configurazione è anch’essa un punto a favore delle telecamere analogiche, poiché non necessitano di alcuna conoscenza informatica. Una volta installate, basterà collegarle alla fonte di registrazione/visualizzazione e le immagini saranno subito disponibili.

La differenza delle telecamere ip al contrario di quelle analogiche, è che per poter visualizzare le registrazioni, hanno bisogno di essere configurate sulla rete locale in modo opportuno, e visualizzare le registrazioni mediante un NVR, che si occuperà di salvare su una memoria il flusso di dati proveniente dalla telecamera IP.

Conclusioni

Le differenze tra telecamere analogiche e telecamere IP sono parecchie.

Il fatto di avere delle telecamere in rete, farà si che tu possa amministrarle meglio, raggiungendo anche una qualità d’immagine più elevata, ma al contrario sarà più costoso e la sua configurazione richiederà una maggiore conoscenza tecnica in informatica.

Le telecamere ad IP non necessitano di troppo cablaggio, grazie alla possibilità di far scorrere rete ed elettricità nello stesso cavo ethernet, al contrario per quelle analogiche dovrai far si che la corrente elettrica sia nel punto di installazione, e portare al tuo registratore un cavo per ogni telecamera installata.

Matteo Ziglianihttps://robadainformatici.it
CEO & Founder di www.robadainformatici.it, vivo l'informatica come una passione. Di giorno aiuto le persone a sfruttare la tecnologia a proprio favore, nel tempo libero condivido queste fantastiche conoscenze in questo spazio, con il resto della rete.

2 Commenti

  1. Ciao Matteo, scusa ma vorrei approfittare un pò del tuo sapere, visto che è difficile trovare un competente in materia, spesso ho provato a chiedere a rivenditori, però alla fine hanno dimostrato di non avere competenza tecnica ma solo commerciale, io sono un autodidatta e tutte le mie conoscenze l’ho acquisite con pazienza fantasia e leggendo; veniamo al problema, ho acquistato una telecamera di retromarcia per la mia auto ford, molto bella carina e si adatta perfettamente al supporto della luce di targa con collegamenti RCA , solo che non sono riuscito a trovare il monitor che faccia pure da specchio, quindi ho cercato su interne un kit completo con VDR, con telecamera e retrovisore/monitor, però con cavetteria particolare a 5 poli che non ho mai vista, se vuoi potrei inviarti anche la foto dei spinotti di collegamento, volevo sapere se in commercio si possono trovare adattatori 5p/ rca in modo tale da poter collegare lo specchietto/monitor alla telecamera rca, o forse non ne esistono di questi adattatori essendo la telecamera non registrabile non è compatibile con monitor vdr?? grazie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

CIAO IO SONO MATTEO!

Creativo, appassionato e divoratore di qualsiasi novità; così descrivo al meglio la mia persona.
Dalla mia passione per i computer e l’informatica è nato il mio lavoro quotidiano, dal mio lavoro è nato questo fantastico spazio, dove scrivo delle mie esperienze e do consigli gratuiti a tutti gli utenti, che necessitano di un aiuto per risolvere i loro problemi tecnologici quotidiani.
Tutti i giorni collaboro con persone ed aziende, al fine di trovare possibili soluzioni, che migliorino l’impatto delle persone con la nuova tecnologia.
Ogni uomo ha una storia ed ogni storia merita sempre di essere raccontata.
Seguimi e ne scoprirai delle belle 😉

SEGUIMI ANCHE SUI SOCIAL! =>

Nuovi da leggere!

Come collegare le casse al PC

Come collegare le casse al PC

Se sei stanco di usare gli speaker integrati nel tuo monitor, una soluzione è quella di dotarti di casse esterne o veri e propri...
Come collegare le casse Bluetooth al PC

Come collegare le casse Bluetooth al PC

come posizionare casse pc

Come posizionare le casse del PC