HomeSoftwareServe davvero una VPN per navigare online in sicurezza?

Serve davvero una VPN per navigare online in sicurezza?

Il termine VPN è salito alla ribalta grazie alla sponsorizzazione di questi servizi da parte di molti youtuber italiani di prim’ordine. Anche se col crescere della sua notorietà, un pubblico più ampio ha imparato a conoscerne le caratteristiche e i vantaggi, rimangono ancora molte persone che non sanno esattamente di che si tratta e a cosa serve una VPN.

Ecco perché abbiamo deciso di redigere quest’articolo: l’obiettivo è fornire informazioni di base sulla VPN, le sue funzionalità e la capacità di proteggere gli utenti durante la navigazione online.

Serve davvero una VPN per navigare online in sicurezza?

Cos’è una VPN? Definizione di base e funzionamento

Una Virtual Private Network (VPN) è un servizio che permette di creare una connessione protetta e privata su una rete collegata a Internet. Con il termine VPN si intende quindi la connessione, garantita da un servizio gratuito o a pagamento, che ha il fine di proteggere la privacy degli utenti e la sicurezza dei dati trasmessi sulla rete.

Quando un dispositivo è collegato a Internet tramite una VPN, tutto il traffico viene veicolato attraverso un server dedicato e controllato dall’azienda che offre il servizio. Solitamente, i provider di VPN dispongono di molti server, ubicati in decine se non centinaia di Paesi diversi.

Scopo di una VPN

Tale varietà di server a cui collegarsi rende difficile per hacker o altre organizzazioni criminali intercettare le informazioni trasmesse o risalire all’indirizzo IP dell’utente. Inoltre, una VPN può consentire agli utenti di accedere a contenuti online che potrebbero essere bloccati o censurati in determinate regioni.

Esistono diverse tipologie di VPN, tra cui quelle gratuite e a pagamento, con caratteristiche e livelli di sicurezza differenti. Prima di scegliere una VPN, è importante valutare le proprie esigenze ed eseguire una ricerca approfondita sulla qualità e affidabilità del servizio.

Falsi miti sulla VPN

Spesso c’è chi mette in cattiva luce i servizi VPN, probabilmente a causa di informazioni parziali o veri e propri falsi miti legati a questa tecnologia.

Le principali false convinzioni legate alle VPN sono:

  • le VPN sono illegali.
  • Le VPN sono utilizzate solo dagli hacker.
  • Le VPN rallentano il trasferimento dei dati nella connessione a Internet.
  • Non ci sono differenze fra le varie VPN.
  • Con una VPN, la connessione è sicura al 100%.  

Le VPN sono illegali

Uno dei principali falsi miti legati alla VPN è la sua illegalità. In realtà, salvo alcune eccezioni in Paesi stranieri, le connessioni VPN in Italia sono legali e vengono utilizzate da migliaia di utenti per diversi scopi (alcuni dei quali sono stati elencati in precedenza).

Consigliamo, comunque, di controllare con attenzione e in anticipo le leggi vigenti nei singoli Paesi se intendiamo visitarli e utilizzare una VPN all’interno dei loro confini (ad esempio per vedere dei contenuti su Netflix limitati su base territoriale).

Le VPN sono utilizzate solo dagli hacker

Non possiamo escludere che gli hacker, e più in generale le organizzazioni criminali, facciano uso di uno strumento potente come le VPN per rendere illeggibile il proprio indirizzo IP e nascondere la propria attività digitale.

Detto questo, considerando che alcuni brand contano al loro attivo più di 10 milioni di utenti attivi, sarebbe irrealistico pensare che si tratti solo di hacker.

Le VPN rallentano la connessione a Internet

Nei fatti, l’utilizzo di una VPN di scarsa qualità può provocare una riduzione della velocità di download e upload del traffico Internet. Precisato questo punto, ci sono molti fornitori di servizi che possono dimostrare in maniera fattuale e oggettiva l’inesistenza di tale riduzione di velocità (o la sua trascurabilità).

Non ci sono differenze fra le varie VPN

Chi non conosce l’argomento potrebbe pensare che le VPN siano tutte uguali. In realtà, a fronte di alcuni servizi che si “limitano” a offrire una connessione privata e virtuale tramite VPN, ce ne sono altri che presentano funzionalità aggiuntive, come sistemi anti malware o di threat intelligence.

VPN = sicurezza al 100%

Per quanto la VPN sia formidabile dal punto di vista della sicurezza, da sola non è in grado di garantire che un dispositivo non possa essere violato da hacker o organizzazioni criminali. Ecco perché è sempre fondamentale tenere la guardia alta e ricordare le regole principali della cybersecurity: igiene digitale, aggiornamento e consapevolezza.

Matteo Zigliani
Matteo Ziglianihttps://robadainformatici.it
CEO & Founder di www.robadainformatici.it, vivo l'informatica come una passione. Di giorno aiuto le persone a sfruttare la tecnologia a proprio favore, nel tempo libero condivido queste fantastiche conoscenze in questo spazio, con il resto della rete.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

CIAO IO SONO MATTEO!

Creativo, appassionato e divoratore di qualsiasi novità; così descrivo al meglio la mia persona.
Da più di 10 anni mi occupo di informatica, collaboro con persone ed aziende per trovare ogni giorno soluzioni che migliorino la convivenza tra uomo e computer. Sin da piccolo ho sempre nutrito una forte passione per questo mondo, e non vedo l'ora di raccontare tutte le mie esperienze a te! ;-)

SEGUIMI ANCHE SUI SOCIAL! =>

Unisciti a più di 5.000 iscritti!

Da anni Roba da Informatici è un portale dedicato al mondo tech e siamo orgogliosi di aver aiutato più di 10 milioni di persone con i nostri articoli, recensioni e tutorial.

Entra anche tu a farne parte!
Riceverai contenuti premium, News dal mondo tech e tanto altro ancora.



Nuovi da leggere!

Behringer U-Phoria UM2 - Recensione completa

Behringer U-Phoria UM2 – Recensione completa

0
Oggi tutte le schede madre hanno un qualche tipo di interfaccia audio. I modelli più economici supportano sistemi audio 2.1, mentre quelli più avanzati...